Sei in: Home » Articoli

Cassazione: insultare l'ex marito davanti a un giudice non è reato se è per difesa

Non c'è diffamazione. Se le offese sono pronunciate dall'imputato in udienza deve ritenersi applicabile l'esimente di cui all'art. 598 c.p.
donna sulla testa di un uomo per rimprovero con megafono

di Valeria Zeppilli – Insultare il proprio ex marito davanti al giudice di pace non è una condotta diffamatoria. Così almeno la pensa la Corte di Cassazione che, con la sentenza numero 34793 del 10 agosto 2016 (qui sotto allegata), ha confermato l'assoluzione di una donna imputata del reato di diffamazione per aver proferito in udienza più volte epiteti del tenore di "malato mentale, drogato, alcolizzato".

Per i giudici, infatti, nel caso in esame deve ritenersi sussistente l'esimente di cui all'articolo 598 del codice penale, relativa alla non punibilità delle offese contenute in scritti e discorsi pronunciati dinanzi alle autorità giudiziarie e amministrative funzionali al libero esercizio del diritto di difesa.

Del resto, nel corso del processo era emerso pacificamente che tra moglie e marito vi era una forte conflittualità e che la donna aveva pronunciato quelle frasi nel corso del suo esame dibattimentale "quando aveva perso il controllo nel rispondere alle domande sui fatti oggetto del processo penale e riguardanti sempre i rapporti problematici con l'ex marito". In quel processo, oltretutto, la donna era imputata e l'ex coniuge persona offesa: l'ottica con la quale è stata posta in essere la condotta diffamatoria, quindi, era chiaramente quella difensiva.

La Corte ha inoltre ricordato che l'esimente di cui all'articolo 598 del codice penale rappresenta un'applicazione estensiva del principio posto dall'articolo 51 del codice penale relativamente all'esercizio di un diritto o all'adempimento di un dovere e può essere applicata purché le offese riguardino l'oggetto della causa in maniera diretta e immediata.

Non è richiesto, invece, anche che le offese abbiano un contenuto minimo di verità o che questa possa essere in qualche modo dedotta dal contesto: l'interesse tutelato, infatti, è la libertà di difesa nella sua correlazione logica con la causa.

La donna, insomma, è stata correttamente assolta dal giudice del merito perché il fatto non costituisce reato.

Corte di cassazione testo sentenza numero 34793/201
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(12/08/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Avvocati matrimonialisti, boom di matrimoni tra over70 e badanti
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss