Sei in: Home » Articoli

Cassazione: non si può licenziare il cieco solo perché non vedente!

Il licenziamento è discriminatorio. L'accertamento dello stato invalidante non significa di per sé che il dipendente non sia più abile a svolgere le mansioni
mano che scorre testo in braille

di Valeria Zeppilli – Uno dei pochi casi in cui il lavoratore, nel nostro ordinamento, ha una tutela ancora forte rispetto a un licenziamento illegittimo è quello in cui il recesso è sorretto da ragioni discriminatorie.

Ma quando, in concreto, un licenziamento può definirsi discriminatorio?

Come al solito la risposta va ricercata nelle pronunce giurisprudenziali.

Recentemente, ad esempio, la Corte di cassazione ha qualificato come discriminatorio un licenziamento intimato a un lavoratore dopo che era stata accertata la sua invalidità, la condizione di non vedente, ed esclusivamente in forza di tale fatto.

Con la sentenza numero 8248/2016, depositata il 26 aprile e qui sotto allegata, i giudici hanno infatti precisato che tale accertamento non significa di per sé che il dipendente non sia più abile a svolgere le mansioni.

È infatti il datore di lavoro che deve fornire in concreto la prova del fatto che la nuova condizione ostacoli la capacità del dipendente di rendere proficuamente la propria prestazione.

Nel caso di specie, invece, era stata solo la condizione di invalidità del lavoratore ad aver spinto al licenziamento, mentre nessun fatto specifico gli era stato rimproverato in ordine alla sua incapacità a rendere proficuamente la prestazione lavorativa.

La sentenza con la quale la Corte d'appello non ha riconosciuto la natura discriminatoria del licenziamento pur in difetto di prova della non proficuità della prestazione lavorativa va quindi cassata: il giudice del merito deve provvedere a una nuova, più accurata, analisi.

Corte di cassazione testo sentenza numero 8248/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(01/05/2016 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Affido condiviso: sì a diritto di visita rigido per tutelare i figli
» Reato di invasione di edifici: in arrivo multe fino a 2mila euro
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso

Newsletter f g+ t in Rss