Sei in: Home » Articoli

Affido condiviso: cambia il mantenimento se cambia il domicilio

Per la Cassazione, se muta la domiciliazione prevalente occorre rivalutare l'importo dell'assegno di mantenimento per i figli
Padre e figlia di fronte al mare

di Valeria Zeppilli - In caso di affidamento condiviso dei minori, se muta la domiciliazione prevalente dall'uno all'altro genitore occorre rivalutare l'importo dell'assegno di mantenimento per i figli.

Come infatti precisato dalla Corte di Cassazione con l'ordinanza numero 8151/2016, depositata il 22 aprile scorso e qui sotto allegata, in forza dell'articolo 155, comma quattro, del codice civile (oggi articolo 337-ter, comma quattro) al mantenimento dei figli i genitori provvedono in misura proporzionale al proprio reddito.

Di conseguenza, se il genitore che prima non era collocatario corrispondeva una determinata somma, non è detto che l'altro genitore, presso il quale i minori non hanno più la domiciliazione prevalente, debba corrispondere la medesima somma.

Nel caso di specie, nelle condizioni di divorzio non si era previsto alcun assegno in favore della moglie, stante la sostanziale equivalenza della situazione reddituale dei coniugi.

Di conseguenza, con riferimento ai figli, quando uno di loro aveva mutato la propria domiciliazione prevalente dal padre alla madre, la Corte di appello di Messina aveva stabilito che la donna corrispondesse dopo il trasferimento lo stesso importo che il padre corrispondeva quando era lui ad esserne onerato.

Per la Cassazione, però, tale ragionamento non può essere condiviso: in considerazione di quanto previsto dal codice civile, infatti, il trasferimento dei figli dall'uno all'altro coniuge richiede necessariamente una rivalutazione delle effettive condizioni reddituali dei coniugi al fine di stabilire correttamente il contributo che ciascuno di essi può dare al mantenimento dei minori.

La Corte d'appello deve quindi procedere a una nuova valutazione.


Corte di cassazione testo ordinanza numero 8151/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed � dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche � Diritto del lavoro presso l'Universit� 'G. D'Annunzio' di Chieti � Pescara
(26/04/2016 - Valeria Zeppilli)

In evidenza oggi:
» Il decreto ingiuntivo lo farà l'avvocato?
» Cassazione: bisogna fermarsi sempre allo stop anche a strada libera
» Nuova tassa auto per il 2019
» Riforma processo civile: il no degli avvocati
» Carta d'identit elettronica anche alle Poste
Newsletter f g+ t in Rss