Sei in: Home » Articoli

Non serve andare dal giudice per decidere con chi starà il figlio a Pasqua

Bacchettata del tribunale di Milano anche nei confronti degli avvocati che non devono assecondare diverbi privi di rilevanza
bambino conteso dai genitori che lo tirano per le braccia

di Marina Crisafi – Non si può andare dal giudice per ogni questione che sorga nella gestione dei figli tra i genitori in corso di separazione. E i legali che difendono le parti dovrebbero dare il loro contributo, anziché assecondare "diverbi privi di concreta rilevanza". A bacchettare genitori e avvocati ci ha pensato il tribunale di Milano, con l'ordinanza emessa il 23 marzo scorso dalla nona sezione civile (giudice Giuseppe Buffone) chiamato da una coppia in fase di separazione a chiarire il momento in cui il figlio doveva essere riaccompagnato dal collocatario alla fine delle vacanze di Pasqua. Nello specifico, se la fine del "periodo pasquale" coincideva con la sera del lunedì dell'Angelo o meno.

È inammissibile portare all'attenzione del giudice questi diverbi, ha affermato il tribunale milanese, anche perché il modello risolutivo ex art. 709-ter c.p.c. serve a risolvere questioni essenziali per il minore, come l'educazione, la salute e la residenza e non a decidere quanto dura il soggiorno nel periodo delle vacanze o altre "beghe" familiari come la delega al parente che deve andare a prendere il minore a scuola o addirittura sul taglio di capelli o sui vestiti indossati dai figli.

Non solo, quindi, richieste del genere fanno scattare l'inammissibilità della richiesta, ma soprattutto il giudice può trovarsi costretto a limitare, in presenza di una tale "conflittualità patologica" della coppia, ex art. 333 c.c. la responsabilità genitoriale, delegando al comune la funzione di rappresentanza del minore al posto degli ex partner.

(28/03/2016 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» In arrivo più ferie e ponti per tutti
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» La Consulta boccia l'art. 92 post riforma
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Resta aggiornato. Segui StudioCataldi su Telegram      SCOPRI DI PIU'
chiudi