Sei in: Home » Articoli

Rito tributario: ora ogni fase ha i suoi costi, anche l'istanza cautelare

La riforma entrata a regime dal 2016 ha innovato ogni fase del contenzioso anche dal punto di vista delle spese
persona che disegna un grafico
di Valeria Zeppilli – Il d.lgs. numero 156 del 24 settembre 2015 ha introdotto, nel processo tributario, numerose novità che sono entrate a regime a partire dal 2016.

Tra di esse rientrano quelle inerenti l'istanza di sospensione cautelare dell'atto impugnato.

Con riferimento a tale istituto, in particolare, oggi si prevede che la sospensione può essere disposta con decreto motivato, ovverosia anche con un provvedimento diverso da quello con il quale il giudice fissa l'udienza di trattazione.

Il dispositivo dell'ordinanza di sospensione va poi comunicato immediatamente alle parti in udienza.

Ma l'innovazione più rilevante riguarda il fatto che il giudice è oggi chiamato a provvedere sulle spese di lite anche nell'ordinanza con la quale definisce la fase cautelare del giudizio.

Il che vuol dire che anche questa fase ha dei precisi costi, che si aggiungono a quelli strettamente inerenti il processo di merito.

Peraltro, la pronuncia in ordine alle spese produce effetti anche dopo l'adozione del provvedimento giurisdizionale con il quale è definito il merito, pur potendo il giudice disporre in tale provvedimento in maniera diversa in ordine alle spese di lite della fase cautelare.

L'idea è quella (già praticata nel processo amministrativo) volta a combattere l'abuso delle richieste di tutela cautelare.

Si tratta, tuttavia, di costi per i quali non è stata stabilita una procedura di calcolo ben precisa, con la conseguenza che la valutazione viene completamente lasciata alla discrezionalità del giudice, il quale vi provvederà tenendo conto delle peculiarità del caso concreto.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(04/04/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Preavviso di licenziamento e dimissioni: durata, conseguenze e fac-simile
» Curriculum vitae: guida alla redazione con fac-simile
» Processo civile telematico: attenzione a come si deposita la sentenza impugnata in Cassazione!
» Equo compenso per tutti: avvocati e professionisti
In evidenza oggi
Udienza celebrata in anticipo senza l'avvocato? Il giudizio è illegittimoUdienza celebrata in anticipo senza l'avvocato? Il giudizio è illegittimo
Addio riparazione per lo stalkingAddio riparazione per lo stalking

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF