Sei in: Home » Articoli

Mantenimento: niente aumento dell'assegno se i figli scelgono un'università più lontana

Per la Cassazione, decisiva la constatazione che entrambi non gravano esclusivamente sui genitori divorziati
sorpresi stupore stupiti bamboccioni ops incredibile

di Marina Crisafi - Se i figli cambiano università, trasferendosi lontani da casa, le spese aumentano, ma non l'assegno di mantenimento. A stabilirlo è la Cassazione, con l'ordinanza n. 439/2016, depositata oggi (qui sotto allegata), rigettando il ricorso di una madre che pretendeva un assegno più sostanzioso da parte dell'ex marito, in ragione del trasferimento di università da parte dei figli maggiorenni (dalla Puglia alle Marche).

Per gli Ermellini, infatti, pur essendo evidente l'incremento degli oneri per il loro mantenimento, ad essere decisiva è la constatazione che entrambi i ragazzi, maggiorenni, hanno dimostrato di poter incrementare le loro disponibilità finanziarie e di non gravare stabilmente ed esclusivamente sui contributi economici dei genitori divorziati.

Una infatti ha svolto attività lavorativa, seppur a tempo determinato, l'altro ha percepito una borsa di studio, per cui, l'incremento delle spese risulta compensato dalla sia pur saltuaria capacità reddituale degli stessi, idonea ad abbattere i costi di permanenza nella nuova sede universitaria.

Per cui, non essendo sopravvenuta alcuna circostanza idonea a giustificare la modifica dell'assegno, il contributo rimane immutato nella misura stabilita in sede di divorzio.

Cassazione, ordinanza n. 439/2016
(14/01/2016 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Il modello per la comparsa conclusionale
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» I tagli alla pensione di reversibilità
» Documenti: per quanto tempo vanno conservati?
» Regime probatorio: cosa cambia con la legge concorrenza
In evidenza oggi
Cassazione: niente usura sopravvenutaCassazione: niente usura sopravvenuta
Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tantoAffido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF