Sei in: Home » Articoli

Permesso di costruire e richiesta del Comune di contributi per monetizzazione area parcheggi: sono dovuti?

Nota di commento alla sentenza del Tar Cagliari n. 416 del 9 marzo 2015
sondaggi domande interrogativo dubbio

Avv. Francesco Pandolfi - Il proprietario di un immobile ad Olbia presenta al Comune un'istanza per il rilascio della concessione edilizia in sanatoria (art. 16 legge regionale n. 23/85), relativa al cambio di destinazione d'uso da magazzino a locale commerciale, con fusione delle due originarie unità immobiliari in un unico (attuale) locale.

La Commissione edilizia esprime parere favorevole; successivamente il Comune chiede al proprietario il pagamento degli oneri previsti per la sanatoria (che vengono versati), infine viene rilasciata la concessione.

Accade però che, dopo un anno circa, il Comune chiede al proprietario il pagamento di un'ulteriore somma, questa volta per "oneri relativi alla monetizzazione dell'area parcheggi".

A sostegno di questa pretesa richiama una delibera dell'anno precedente, dove è stato determinato il costo base a metro quadro per "monetizzare" tali parcheggi (ossia per assegnarvi un valore economico) relativi ad interventi sul patrimonio edilizio esistente che presuppongono l'aumento delle unità immobiliari con destinazione non residenziale.

Il proprietario contesta la pretesa.

Il ragionamento del Tar, nel dare ragione al proprietario, alla fine della causa è questo:

bisogna distinguere i casi di concessione in sanatoria dalla concessione ordinaria.

Il momento del rilascio della concessione in sanatoria non ha nulla a che vedere con il momento della domanda di concessione.

Qui l'amministrazione si trova di fronte al "fatto compiuto" e ad una richiesta a posteriori di legittimazione di quanto realizzato: per questo motivo il controllo tra quanto compiuto e la domanda va spostato in avanti nel futuro, una volta completata la complessa istruttoria amministrativa sulla domanda.

Diversa è la situazione della concessione in "via ordinaria", dove si tratta di legittimare un'attività ancora non esistente rispetto alla quale il Comune effettua le proprie verifiche subito.

Essendo questa la differenza, si è affermato il principio giurisprudenziale in forza del quale è escluso che esista un automatismo di adeguamento temporale delle tariffe.

In conclusione, la soluzione data al quesito è questa: sul presupposto dell'inesistenza del richiamato automatismo, la determinazione del contributo si effettua con riferimento alle tariffe vigenti al momento della domanda.

Per contattare l'avv. Francesco Pandolfi

3286090590 francesco.pandolfi66@gmail.com

blog: www.pandolfistudiolegale.it

Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed è autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(08/12/2015 - Avv.Francesco Pandolfi)
Le più lette:
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il reato di ricettazione
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pecOpposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF