Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il lavoratore che contesta il demansionamento non pu˛ poi acconsentire all'espletamento di mansioni inferiori

uomo triste lavoro id9789
"Quando il datore di lavoro procede a licenziamento per giustificato motivo oggettivo, in particolare per soppressione del reparto cui sono addetti i lavoratori licenziati, la verifica della possibilitÓ di rÚpÚchage va fatta con riferimento a mansioni equivalenti; ove i lavoratori abbiano accettato mansioni inferiori onde evitare il licenziamento, la prova dell'impossibilita di rÚpÚchage va fornita anche con riferimento a tali mansioni, ma occorre, in quest'ultimo caso, che il piano di demansionamenio sia anteriore o coevo al licenziamento, mentre esso non pu˛ scaturire da una dichiarazione del lavoratore espressa in epoca successiva al licenziamento e non accettata dal datore di lavoro, specie se il lavoratore abbia in precedenza agito in giudizio deducendo l'illegittimitÓ del demansionarnento". Questo il principio di diritto contenuto nella sentenza della Cassazione avverso la quale alcuni lavoratori licenziati ricorrono per la sua revocazione. La Suprema Corte, con ordinanza n. 3968 del 18 febbraio 2011, ritenendo inammissibile il ricorso - che pi¨ che rilevare un errore di fatto sottopone alla Corte inammissibili questioni di diritto dirette ad una nuova pronunzia sugli originari motivi di ricorso -, sottolinea che il lavoratore, una volta che abbia scelto di contestare dinanzi al giudice un presunto demansionamento, non pu˛ tardivamente acconsentire all'espletamento delle mansioni inferiori, seppure per evitare il licenziamento per giustificato motivo oggettivo. La Corte precisa che "le condizioni le quali legittimano il licenziamento per gmo, debbono sussistere ed essere verificate alla data del licenziamento stesso e non possono consistere in fatti o manifestazioni di volontÓ sopravvenuti.
Nel caso in cui il lavoratore abbia agito in giudizio per far valere il demansionamento, il consenso alla dequatificazione non pu˛ essere ritenuto esistente e va anzi escluso".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(22/02/2011 - L.S.)
Le pi¨ lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre pi¨ bassi, Ŕ allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF