Sei in: Home » Articoli

Pubblicati in G.U. i decreti del Ministero del Lavoro relativi ai benefici per l'assunzione di lavoratori disoccupati

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministero dell'Economia e delle Finanze, con due distinti decreti, n. 53343 e n. 53344 del 26 luglio 2010, pubblicati nella G.U. n. 253 del 28 ottobre 2010, ha stabilito quali soggetti possono usufruire del beneficio, in forma di riduzione contributiva o di incentivi, ai datori di lavoro che assumono lavoratori titolari dell'indennità di disoccupazione, previsto dalla Legge Finanziaria 2010 (L. 23 dicembre 2009, n. 191). Il decreto interministeriale n. 53343, relativo alla riduzione contributiva a favore dei datori di lavoro che assumono lavoratori beneficiari dell'indennità di disoccupazione ordinaria, non agricola, con requisiti normali, che abbiano almeno cinquanta anni di età, precisa nel dettaglio i soggetti ammessi, la misura e la durata del beneficio nonché le modalità di presentazione della domanda all'INPS. Lo stesso decreto nel Titolo II prevede i casi di prolungamento della riduzione contributiva a favore di chi assuma lavoratori in mobilità o che beneficiano dell'indennità di disoccupazione non agricola con requisiti normali, che abbiano maturato almeno trentacinque anni di anzianità contributiva.
(all'art. 2, comma 134, della legge 23 dicembre 2009, n. 191). Con il decreto n. 53344 sono state invece disciplinate le modalità di concessione degli incentivi previsti per l'assunzione dei lavoratori titolari dell'indennità di disoccupazione ordinaria con requisiti normali o dell'indennità speciale di disoccupazione edile previsti dall'art. 2, comma 151 della legge n. 191/2009. L'incentivo spetta per le assunzioni a tempo pieno e indeterminato effettuate dal 1 gennaio 2010 al 31 gennaio 2010 ovvero nei casi in cui il datore di lavoro trasformi un contratto di lavoro a tempo determinato (stipulato successivamente al 1 gennaio 2010), in contratto di lavoro a tempo pieno ed indeterminato. Il decreto precisa inoltre i presupposti e le condizioni per l'ammissione al beneficio individuando i datori di lavoro ammessi, i contratti di lavoro e i lavoratori per i quali spetta nonché le modalità di presentazione della domanda, la misura e la durata dell'incentivo.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/11/2010 - L.S.)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF