Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Agenzia delle Entrate: non è dovuta tassa di conncessione governativa per il primo anno di iscrizione all'albo dei praticanti avvocati

Non devono pagare la tassa di concessione governativa i laureati in legge che si iscrivono al primo anno nel registro dei praticanti, perche' non ancora abilitati all'esercizio della professione forense. Il tributo - spiega l'Agenzia delle Entrate - e' invece dovuto invece per gli anni successivi, "in cui i praticanti procuratori possono essere nominati difensori d'ufficio o svolgere le funzioni di pubblico ministero''. Il chiarimento è contenuto nella risoluzione 103/E che scaturisce dalla richiesta di un Consiglio dell'ordine degli avvocati, interessato a sapere se i laureati in giurisprudenza dovessero pagare o no la concessione governativa per iscriversi al registro dei praticanti. Secondo l'Agenzia "la tassa e' dovuta nella misura fissa di 168 euro e si applica a partire dal secondo anno di iscrizione all'albo dei praticanti, perche' solo da quel momento si ha effettivamente l'abilitazione ad esercitare la professione forense''.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/10/2010 - N.R.)
Le più lette:
» Mediazione e negoziazione assistita: casi di obbligatorietà e aspetti procedurali
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» L'appello incidentale nel processo del lavoro
In evidenza oggi.
Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
Avvocati: nullità della notifica dell'atto di appello eseguita nei confronti del difensore non più iscritto all'albo
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF