Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Si può mandare a quel paese il vigile che passa a casa per fare la multa

vigile id8594
Il 'pizzardone' intraprendente che si reca presso il domicilio dei cittadini per fare multe, contestazioni o anche solo per dare semplici suggerimenti diretti a scoraggiare le infrazioni può essere tranquillamente mandato in quel paese! Parola di Cassazione. La Corte infatti ha rilevato che i compiti del vigile vanno svolti "nei modi e nelle forme imposte dal Codice della strada". E così la Sesta sezione penale della Corte ha annullato, "perche' il fatto non sussiste", una doppia condanna per minaccia a pubblico ufficiale che i giudici di merito avevano inflitto a tre sorelle che avevano mandato 'a quel paese' un vigile urbano che voleva invitare il loro padre a spostare la macchina, parcheggiata in divieto di sosta. Sia il Tribunale che la Corte d'Appello avevano dato ragione al vigile escludendo che vi fosse "qualsiasi ipotesi di arbitrarieta' nel comportamento del pubblico ufficiale". Ora Piazza Cavour ha ribaltato il verdetto (sentenza n.22267/2010) ed ha sottolineato che "erroneamente i giudici del merito" hanno individuato il compimento "dell'atto di ufficio nella condotta del vigile urbano che, anziche' elevare la contravvenzione nei modi e nelle forme imposte dal Codice della Strada, unico atto di ufficio a lui consentito nella circostanza, si e' recato nell'abitazione del possessore dell'auto, da lui gia' evidentemente conosciuto a causa di precedenti liti con l'amministrazione comunale, per invitarlo a spostare l'auto, posta in zona di divieto di sosta, suscitando la reazione delle figlie presenti, peraltro consistite in espressioni piu' che altro irriguardose al limite di un comportamento oltraggioso".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/06/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimità non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF