Sei in: Home » Articoli

Presentata al Parlamento la relazione sullo stato delle pronunce della Corte europea

Il Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi (Ufficio del contenzioso e per la consulenza giuridica) ha presentato in Parlamento la "relazione sullo stato di esecuzione delle pronunce della corte europea dei diritti dell'uomo nei confronti dello stato italiano per l'anno 2008". Nella relazione si illustrano le attività svolte dallo Stato italiano circa gli obblighi che scaturiscono dalla Convenzione europea per la tutela dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali. In particolare sono state messe in evidenza le misure adotatte dal governo, o in fase di approvazione, in materia di riforma del processo civile e penale e della legge Pinto. Queste attività sarebbero finalizzate a garantire l'esecuzione delle pronunce della Corte europea e di adeguare la normativa nazionale ai principi tutelati dalla Convenzione. Nell'ambito delle infrazioni accertate, si legge nella relazione, la maggior parte riguarda l'eccessiva durata delle procedure giudiziarie, civili, penali ed amministrative.
Risulta dunque che l'eccessiva durata delle procedure giudiziarie, costituisce la causa principale delle constatazioni di violazione nei confronti dell'Italia.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(10/07/2009 - Notiziario)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF