Sei in: Home » Articoli

Certificato di malattia per un solo giorno: LaPrevidenza.it promotore del cambio marcia ministeriale

Avevamo ragione! Per primi (passateci l'espressione), o almeno tra i primi siamo stati quelli che hanno capito che la Direttiva ministeriale era da ritenersi illegittima. Il 29 maggio scorso questo Osservatorio pubblicava l'articolo del Dott. Mauro Di Fresco, responsabile dell'Ufficio legale sindacale nazionale del comparto università UGL dal titolo "Certificato per un solo giorno di malattia". Nell'articolo il giurista rilevava l'illegittimità costituzionale della Direttiva Ministeriale numero 8 del 6/12/2007 nella parte in cui disciplinava l'istituto della malattia in quanto la fonte normativa qui scelta dal legislatore non era appropriata per la natura della materia disciplinata. In risposta dell'articolo de quo, avevdo avuto grande eco, il governo ha ribadito sul D.L. n. 112 del 25/6/2008 la stessa disciplina che aveva pubblicato sulla direttiva 8/2007 dimostrando l'errore che era stato rilevato da LaPrevidenza.it appena 27 giorni prima.
Per LaPrevidenza.it, pur non manifestando consenso nel merito legislativo, tale correzione è motivo d'orgoglio in quanto dimostra la particolare competenza deo propri relatori e l'attenta sorveglianza per motivi di trasparenza e giustizia che la rivista assicura ai propri lettori. Grazie al Dott. Mauro Di Fresco e a tutti i professionisti che quotidianamente mettono a disposizione di questa rivista la loro competenza e alta professionalità. La Redazione LaPrevidenza.it
(20/09/2008 - Laprevidenza.it)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF