Sei in: Home » Articoli

Decreto anti-terrorismo: via libera dalla Camera. Ora al Senato

La Camera approva il ddl di conversione del decreto anti-terrorismo. Il testo ora passa al Senato
Persona con arma militare

di Marina Crisafi - La Camera ha detto sì in tarda serata al c.d. decreto anti-terrorismo, dopo un'empasse creato dall'ostruzionismo dell'opposizione, successivamente rientrato, grazie alla decisione sul rinvio della riforma del Terzo Settore che sarà conclusa la prossima settimana.

253 i voti a favore (50 quelli contrari e due gli astenuti) che hanno fatto passare il provvedimento che traghetta ora a Palazzo Madama, per l'esame e il via libera definitivo al disegno di legge di conversione del d.l. n. 7/2015.

Ritirata la “discussa” norma che prevedeva che la polizia potesse accedere ai dati dei pc privati, acquisendoli “da remoto”, il provvedimento rimane quasi inalterato nel suo impianto originario.

Tra le maggiori novità, rilevano la stretta sui “foreign fighters”, ossia coloro che partono per arruolarsi nelle file del terrorismo internazionale, e per chi organizza, finanzi o propagandi i viaggi del terrore, per i quali la pena prevista va dai 5 agli 8 anni di reclusione.

Puniti anche i fabbricanti delle armi fai-da-te e introdotte nel codice penale sia la detenzione abusiva di precursori di esplosivi che la mancata segnalazione all'autorità con riferimento a furti o sparizioni degli stessi.

Giro di vite anche sugli “addestratori” dei potenziali terroristi con pene aggravate se si utilizzano strumenti telematici o informatici.

Chi impiega la tecnologia per inneggiare al terrorismo, inoltre, finirà nella “black-list” aggiornata costantemente dalla polizia postale, anche al fine di favorire lo svolgimento delle indagini della polizia giudiziaria.

Ad essere potenziate saranno, infine, le immunità per gli 007 che potranno agire sotto copertura anche in caso di deposizione in un processo penale sulle attività svolte in incognito e saranno “autorizzati” persino a commettere reati, nonché i “poteri” dell'istituenda “superprocura” nazionale antimafia ed antiterrorismo.

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Seguici anche su Facebook e iscriviti alla newsletter

Scarica il ddl di conversione
(31/03/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Legge Gelli-Bianco: un quadro di sintesi della riforma della responsabilità medica
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF