Sei in: Home » Articoli

Camera: via libera al reato di depistaggio

Chi manomette le prove al fine di depistaggio rischierà il carcere fino a 4 anni

Chi manomette le prove al fine di depistaggio rischia il carcere fino a 4 anni, con le ulteriori aggravanti previste per i pubblici ufficiali e nelle ipotesi di processi di strage, associazioni mafiose e sovversive.

È questo il contenuto del "nuovo" reato di depistaggio e inquinamento processuale introdotto dall'apposito ddl approvato nei giorni scorsi dalla Camera.

Il delitto entrerà autonomamente nel codice penale, prevedendo la punizione di chiunque, col fine di ostacolare o impedire le indagini e i processi, si renda responsabile di modifiche al corpo del reato o alla scena del crimine, distruggendo, occultando o alterando prove oppure creando false piste.

La pena prevista è la reclusione fino a 4 anni, con inasprimenti “crescenti”, da un terzo alla metà, quando l'autore del depistaggio sia un pubblico ufficiale, ovvero quando il reato inerisca processi per stragi e terrorismo, associazioni mafiose o segrete, traffico di armi e materiali nucleari, chimici o biologici o altri gravi delitti (tratta delle persone; sequestro a scopo estorsivo, ecc.).

Per chi si adopererà a ripristinare lo stato di cose esistenti (la scena del reato o le prove) o collaborerà con i magistrati, saranno previste riduzioni di pena, mentre niente sconti per la prescrizione, che raddoppia i suoi termini in caso di depistaggio aggravato.

Salutato dai promotori come “una svolta storica” per il Paese, dove, spesso, depistaggi e occultamenti hanno impedito la scoperta della verità e la punizione dei responsabili, il provvedimento, a firma del Pd, è passato con 351 sì, 26 astenuti, e 50 no, dei berlusconiani e degli alfaniani che invocano, invece, modifiche all'impianto di un reato che rischia di far accusare di depistaggio anche chi ha “una teoria o un teorema” alternativi.

Intanto la parola ora passa al Senato.

Nemes

(27/09/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» È legale vietare l'accesso alle famiglie con bambini nei ristoranti?
» Addio compenso per l'avvocato poco accorto
» Condominio: acquirente obbligato in solido per cinque anni
» Decreto ingiuntivo: i requisiti per l'opposizione tardiva
» Pec: notifiche valide solo agli indirizzi risultanti da pubblici registri
In evidenza oggi
Basta bimbi dimenticati in auto, in arrivo il dispositivo d'allertaBasta bimbi dimenticati in auto, in arrivo il dispositivo d'allerta
Avvocati: la trappola mentale del 'non ho tempo' Avvocati: la trappola mentale del 'non ho tempo'
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF