Sei in: Home » Articoli

Cassazione: ex coniugi tornano a vivere insieme? Non è indice di riconciliazione

cassazione sentenza
La prima sezione civile della Corte di Cassazione con sentenza del 17/09/2014 n.19535 ha stabilito che se due ex coniugi tornano a vivere sotto lo stesso tetto, non per questo si può parlare di avvenuta riconciliazione e non si producono quindi gli effetti di cui all'articolo 154 del codice civile.

Tale norma in linea generale stabilisce che "la riconciliazione tra i coniugi comporta l'abbandono della domanda di separazione personale già proposta" con effetti preclusivi di una successiva pronuncia sul divorzio.

Per la Cassazione però ci vuole ben altro che una semplice coabitazione perché si possa parlare di avvenuta ricostituzione di una vera e propria unione coniugale.

La Corte ricorda che si può parlare di riconciliazione solo se vi è stato un "ripristino della comunione di vita e d'intenti materiale e spirituale che costituisce il nucleo del vincolo coniugale."

Già in precedenza la stessa Cassazione (sentenza n.28655/2013) chiarito che questa "La riconciliazione per fatti concludenti tra coniugi legalmente separati, ostativa alla pronuncia del divorzio, deve desumersi univocamente dalla concreta ripresa da parte loro di reciproche relazioni di vita, oggettivamente idonee a dimostrare la ricostruzione spirituale e materiale del rapporto matrimoniale, con conseguente superamento delle condizioni che in precedenza avevano reso intollerabile la prosecuzione della convivenza". Sotto questo profilo, spiegano i giudici di Piazza Cavour, non assume particolare rilievo la sola ripresa della convivenza.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/09/2014 - A.V.)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF