Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Cassazione: l'avvocato non può essere amministratore di società commerciali

avvocato libri id10506

di Licia AlbertazziCorte di Cassazione civile, sezione sesta, ordinanza n. 18663 del 4 Settembre 2014. 

Nonostante la Suprema corte abbia dichiarato il ricorso inammissibile per tardività di notificazione dello stesso, con l'ordinanza in oggetto si esprime comunque sulla questione di legittimità inerente l'incompatibilità dell'esercizio della professione forense con determinate cariche sociali, “indipendentemente quindi dalla circostanza che la società non svolga attività e che i poteri suddetti non vengano di fatto esercitati”.

Nel caso di specie ricorre la Cassa forense avverso la sentenza di merito che condannava la stessa alla corresponsione dei ratei pensionistici mancanti a favore di un iscritto, diniego che era sorto a seguito di accertamento a seguito del quale era emerso come di fatto l'avvocato avesse esercitato, per un certo periodo, funzioni di amministratore di società in accomandita semplice (nella specie, nella veste di socio accomandatario). La Cassazione afferma come tale causa sarebbe stata sufficiente a legittimare il diniego della Cassa – non foss'altro per la tardività della notificazione – enunciando come “l'esercizio della professione di avvocato è incompatibile con l'esercizio del commercio in nome proprio o in nome altrui e, in particolare (…) che la situazione di incompatibilità discende obiettivamente dall'assunzione di una carica sociale che comporti poteri di gestione e di rappresentanza di una società commerciale”. Tale incompatibilità risulta palese ove l'avvocato rivesta il ruolo di amministratore o amministratore delegato di società commerciale “con attribuzione, in forza di norme di legge o di statuto, di concreti ed effettivi poteri di gestione o di rappresentanza”. 


Vai al testo dell'ordinanza 18663/2014
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(09/09/2014 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF