Sei in: Home » Articoli

Tribunale di Ascoli Piceno. In merito al termine di decadenza per l'impugnazione del licenziamento

industria lavoro licenziamento
Avv. Barbara Pirelli del Foro di Taranto; email: barbara.pirelli@gmail.com

Continua il mio percorso personale nel far conoscere i provvedimenti dei Tribunali meno noti ma non per questo meno importanti. Spesso decisioni anche di notevole interesse non godono della stessa risonanza mediatica che viene data alle decisioni della Corte di Cassazione.
Ho cercato quindi attraverso l'aiuto di colleghi ed altri operatori della giustizia di raccogliere una serie di sentenze e di farle conoscere al di fuori dell'ambito locale. 

Questa volta voglio parlarvi di una questione affrontata dal Tribunale di Ascoli Piceno, sezione Lavoro, e decisa dal G.O.T. Tiziana D'Ecclesia in data 17.06.2014.

La questione ha ad oggetto un ricorso di un lavoratore contro un licenziamento ritenuto illegittimo.
Nel corso del giudizio la società resistente aveva sollevato una eccezione relativa al termine di decadenza per presentare l'impugnazione.

Ed è proprio in merito al termine di decadenza che il GOT si è pronunciato con ordinanza.

Come emerge dal provvedimento, il licenziamento era stato intimato e comunicato il giorno 05-08/08/2011 ed era stato impugnato stragiudizialmente in data 08-14/09/2011.
Il ricorso veniva invece depositato in data 31/01/2014.
Secondo il giudicante il ricorrente non era incorso in decadenza perché il novellato articolo 6 della legge n.604/66 non è applicabile ai licenziamenti intimati (notificati) anteriormente al 31/12/2011, per questi ultimi rimarrà la decadenza per la proposizione ed il deposito del ricorso innanzi al Giudice del Lavoro fissata entro l'arco temporale di decorso del termine prescrizionale dei cinque anni.

Il giudice per decidere quale disciplina applicare ha fatto ricorso al principio del "tempus regit actum" di conseguenza  il regime delle impugnazioni va ancorato, in base alla regola di cui all'art.11 delle preleggi, non alla disciplina vigente al momento della loro presentazione ma a quella in essere all'atto dell'irrogazione del licenziamento.

Dunque, i termini dell'impugnazione cominciano a decorrere dall' irrogazione del licenziamento e quindi dal momento in cui questo viene notificato; di conseguenza bisogna fare riferimento al regime regolatore vigente in tale momento regime che rimane insensibile a eventuali interventi normativi successivi, non potendo la nuova legge travolgere quegli effetti dell'atto che si sono già prodotti prima dell'entrata in vigore della medesima legge, né regolare diversamente gli effetti futuri dell'atto.

Sulla base di questo percorso argomentativo il GOT ha rigettato l'eccezione di decadenza dall'impugnazione del licenziamento fissando contestualmente il giorno per il prosieguo dell'udienza.

Qui di seguito il provvedimento.
Testo ordinanza Tribunale di Ascoli Piceno, G.O.T. Tiziana D'Ecclesia in data 17.06.2014
(06/08/2014 - Avv.Barbara Pirelli)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF