Sei in: Home » Articoli

Tar Campania: non ha diritto al risarcimento danni il dipendente della PA che scivola e cade all'interno dell'ufficio

funzione pubblica ufficio impiegati pubblico impiego
Va respinta la domanda di risarcimento danni che il dipendente di una pubblica amministrazione richiede per aver subito un infortunio all'interno dell'ufficio in cui lavora, se non si dimostra la violazione degli obblighi di garantire sicurezza da parte della PA. E' quanto  stabilisce una sentenza del Tar Campania (la n. 5593/2013)  che si è occupata del caso di un infortunio  verificatosi mentre un impiegato  era intento a trasportare  faldoni di pratiche da una stanza all'altra. Durante il trasporto il dipendente era scivolato e non aveva trovato nulla su cui aggrapparsi per evitare la caduta.

Il Tar chiarisce che l'azione esperita dal dipendente deve essere qualificata con un'azione da responsabilità contrattuale ex art.2087 del codice civile (Tutela delle condizioni di lavoro). In base a tale norma "L'imprenditore è tenuto ad adottare nell'esercizio dell'impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l'esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l'integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro".

Trattandosi di un'azione contrattuale, il lavoratore che intende richiedere un risarcimento danni, deve provare l'esistenza dell'obbligo lavorativo, l'esistenza del danno e il nesso di causalità tra la prestazione lavorativa al danno.  il datore di lavoro al contrario deve dimostrare che il danno è dipeso da causa a lui non imputabile e di aver  adottato le misure di sicurezza idonee ad evitare danni ai propri dipendenti.

Nella fattispecie esaminata dal Tar, non essendosi riscontrata la violazione di obblighi di sicurezza non è possibile imputare all'amministrazione il danno occorso al dipendente.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/01/2014 - A.V.)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» In bus senza biglietto: non scendere è reato
» Casalinga quarantenne: sì al mantenimento anche se in grado di lavorare
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF