Sei in: Home » Articoli

Lavoratori stranieri altamente qualificati: Carta blu UE

donne lavoro lavoratrice
Nella G.U. 24 luglio 2012, n. 171 è stato pubblicato il D.Lgs. 28 giugno 2012, n. 108, che recepisce nel nostro ordinamento la Dir. n. 2009/50/CE, che rende più agevole l'ingresso ed il soggiorno di cittadini di Paesi terzi che intendano svolgere lavori altamente qualificati. La finalità del consiglio UE è aumentare la capacità dell'Unione europea (UE) di attrarre cittadini di paesi terzi che intendano svolgere lavori altamente qualificati. Si cerca di limitare la fuga dei cervelli, facilitando l'ammissione dei cittadini in questione, armonizzando le condizioni del loro ingresso e soggiorno nell'Unione europea.
Obbiettivo dello Stato membro che recepisce la direttiva è quello di semplificare le procedure di ammissione e migliorare lo status giuridico di coloro che sono già presenti sul territorio degli Stati membri. Novità è la Carta blu UE. Se il candidato soddisfa le condizioni richieste (contratto di lavoro - documento di viaggio valido e un permesso di soggiorno valido - un'assicurazione contro le malattie - documenti che attestino il possesso delle qualifiche professionali superiori) e le autorità nazionali decidono di ammetterlo, egli riceve una Carta blu UE valida per un periodo che va da 1 a 4 anni. Questo è un primo passo all'attuazione del piano d'azione sull'immigrazione legale e per una più ampia tutela del lavoratore straniero all'interno dell'Europa.
(26/07/2012 - L.S.)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF