Sei in: Home » Articoli

Consulenti del lavoro: nuove norme su partita Iva mettono a rischio posti di lavoro

lavoratori ufficio impiegati
La Fondazione Studi dei consulenti del lavoro, esprime preoccupazione per il fatto che le nuove norme previste dalla riforma del lavoro, che disciplinano le partite Iva, possono mettere a rischio molti posti di lavoro. La fondazione, analizza gli aspetti critici del ddl sulla riforma del mercato del lavoro attraverso un esame tecnico giuridico disponibile integralmente sul sito consulentidellavoro.it. Oggetto dello studio dei consulenti sono in primo luogo i tre requisiti che, in base alla prospettata riforma, fanno scartare per le partite Iva il presupposto che si tratti di lavoro subordinato: la monocommittenza, la durata della prestazione superiore a sei mesi nell'arco di un anno e il fatto che il collaboratore abbia una postazione di lavoro presso la sede del committente. In sostanza, sulla base delle nuove disposizioni basterebbe anche il solo verificarsi di uno dei tre presupposti per far presumere un regime di parasubordinazione del rapporto. E a quel punto ci sarebbe una conversione automatica del rapporto a meno che il committente non fornisca una prova contraria. Secondo i consulenti "la scelta, evidentemente discutibile, conferma l'approccio alla materia che nell'ambito del condivisibile obiettivo di perseguire le violazioni delle tutele in materia di lavoro, ritiene in maniera aprioristica in senso negativo qualsiasi rapporto di lavoro diverso dal 'tempo pieno e indeterminato'". Gli esperti della fondazione studi ritengono quindi che partendo da un approccio sbagliato la correzione potrebbe "riverlarsi dannosa perlomeno quanto il vizio che si vorrebbe correggere". In sostanza tutto questo potrebbe portare a un effetto negativo per l'occupazione con la "perdita di centinaia di migliaia di posti di lavoro, scaturente dal timore di conversioni forzose e dei costi, ingiustificati quanto una conversione ex lege avulsa dalle modalita' di attuazione effettiva del rapporto di lavoro, che ne conseguirebbero".
(10/04/2012 - N.R.)
Le più lette:
» Trasferimento ex legge 104: l'istanza di cambio incarico non può essere trascurata dall'amministrazione
» Caregiver: in arrivo fino a 1.900 euro per chi assiste un familiare disabile
» Assicurazione avvocati: al via il countdown per l'obbligo di polizza
» Codice della strada: al via le multe europee
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
In evidenza oggi
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Obbligare la moglie a discutere è reatoObbligare la moglie a discutere è reato
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF