Sei in: Home » Articoli

Cassazione: licenziato chi timbra il cartellino del collega

Anche se il CCNL non prevede espressamente la sanzione espulsiva, la nozione di giusta causa è nozione legale e il giudice non è vincolato alle previsioni dei contratti collettivi
licenziamento mobbing lavoro

di Valeria Zeppilli – Si è molto sentito parlare negli ultimi tempi dei cd. "furbetti del cartellino", intendendosi con tale espressione quei lavoratori che non si limitano a timbrare il loro badge, ma provvedono a farlo anche per alcuni colleghi.

Purtroppo, però, si tratta di una prassi che non è affatto nuova e sulla quale anzi si è spesso andati in conflitto nelle aule di giustizia.

Proprio recentemente, ad esempio, la Corte di cassazione è tornata a ribadire che il comportamento di un lavoratore che timbri il cartellino del collega assente, commettendo così una frode ai danni del datore di lavoro, integra un'ipotesi di giusta causa di licenziamento. Anche se il contratto collettivo non indica espressamente la sanzione espulsiva per quel preciso atteggiamento.

Il riferimento, in particolare, va alla sentenza numero 5777/2015, depositata dalla sezione lavoro lo scorso 23 marzo (qui sotto allegata).

I giudici hanno infatti precisato che la nozione di giusta causa è una nozione legale e, pertanto, il giudice non è vincolato alle previsioni di condotte che la integrano contenute nei contratti collettivi (pur se egli può comunque utilizzarle come parametro di riferimento).

Nel caso di specie, oltre a tentare di ottenere una diversa risposta dal giudice di legittimità con riferimento a tale aspetto, il lavoratore licenziato aveva anche tentato di fare leva sul suo successivo ravvedimento e sull'assenza di precedenti disciplinari, ma non c'è stato nulla da fare: l'elusione dei sistemi di controllo datoriale non consente di ritenere adeguata una sanzione di tipo conservativo.

Il licenziamento va quindi confermato.

Corte di cassazione testo sentenza numero 5777/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/03/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF