Il pignoramento presso terzi - Guida legale con formula

I requisiti dell'atto, gli obblighi del terzo e i crediti impignorabili o limitatamente pignorabili
Martello su banconote

di Valeria Zeppilli – Secondo quanto previsto dalle norme del codice di procedura civile i creditori possono soddisfare le loro pretese aggredendo i beni del debitore in vari modi, differenti a seconda che questi siano mobili o immobili e che siano nella disponibilità del debitore o di un terzo.

Il pignoramento presso terzi riguarda i beni del debitore che sono nella disponibilità del terzo.

Più precisamente, l'articolo 543 c.p.c., che disciplina l'istituto, contempla due distinte ipotesi di pignoramento presso terzi: quella in cui il terzo sia in possesso di beni del debitore o quella in cui quest'ultimo vanti crediti nei confronti del terzo.

Requisiti dell'atto di pignoramento presso terzi

L'atto di pignoramento, notificato al terzo e al debitore, deve innanzitutto contenere l'ingiunzione a non compiere atti dispositivi sui beni e sui crediti assoggettati al pignoramento, come previsto in via generale dall'articolo 492 c.p.c..

In esso devono poi essere riportati l'indicazione, almeno generica, delle cose e delle somme dovute, l'intimazione al terzo di non disporne se non per ordine del giudice, la dichiarazione di residenza o l'elezione di domicilio nel comune in cui ha sede il tribunale competente e l'indicazione dell'indirizzo p.e.c. del creditore procedente.

L'atto deve infine contenere la citazione del debitore a comparire dinanzi al giudice competente, indicando un'udienza nel rispetto del termine dilatorio di pignoramento di cui all'articolo 501 c.p.c., e l'invito al terzo a rendere entro dieci giorni al creditore procedente la dichiarazione prevista dall'articolo 547 (della quale si dirà meglio in seguito), con l'avvertimento che in caso contrario, la stessa dovrà essere resa comparendo in un'apposita udienza e che se il terzo non compare o, sebbene comparso, non rende la dichiarazione, il credito pignorato o il possesso di cose di appartenenza del debitore si considereranno non contestati nell'ammontare o nei termini indicati dal creditore, ai fini del procedimento in corso e dell'esecuzione fondata sul provvedimento di assegnazione, se l'allegazione del creditore consente l'identificazione del credito o dei beni di appartenenza del debitore in possesso del terzo.

 

Termini per l'iscrizione a ruolo del pignoramento

L'originale dell'atto di citazione è consegnato al creditore senza ritardo dall'ufficiale giudiziario, non appena eseguita l'ultima notificazione.

A questo punto il creditore deve depositare nella cancelleria del tribunale competente per l'esecuzione la nota di iscrizione a ruolo, con copie conformi dell'atto di citazione, del titolo esecutivo e del precetto, entro trenta giorni dalla consegna, pena perdita di efficacia del pignoramento.

 

Gli obblighi del terzo pignorato

Secondo quanto previsto dall'articolo 547 c.p.c., il terzo deve rendere al creditore procedente una dichiarazione, da farsi a mezzo raccomandata a/r o p.e.c. anche attraverso procuratore speciale o difensore munito di procura speciale, nella quale specifica di quali cose o somme è debitore o si trova in possesso e quando ne deve eseguire il pagamento o la consegna, i sequestri precedentemente eseguiti presso di lui e le cessioni che gli sono state già notificate o che ha accettato.

Se sulla dichiarazione sorgono contestazioni o se a seguito della mancata dichiarazione del terzo non è possibile identificare esattamente il credito o i beni del debitore in suo possesso, il giudice, su istanza di parte, provvede con ordinanza, compiuti i necessari accertamenti nel contraddittorio tra le parti e con il terzo.

Dal momento in cui gli è notificato l'atto di pignoramento, poi, il terzo è tenuto a rispettare gli obblighi imposti dalla legge al custode con riferimento alle cose e alle somme dovute e nei limiti dell'importo del credito precettato aumentato della metà.

 

I crediti impignorabili

In ogni caso, non tutti i crediti del debitore verso il terzo possono essere pignorati.

Infatti sono impignorabili i crediti alimentari, tranne che per le cause di alimenti, i crediti aventi come oggetto sussidi di grazia o sostentamento a persone comprese nell'elenco dei poveri o dovuti per maternità, malattie o funerali da casse di assicurazione, da enti di assistenza o da istituti di beneficenza.

 

Crediti limitatamente pignorabili: le somme relative al rapporto di lavoro o di impiego

Con la recente riforma di cui al d.l. n. 83/2015, si sono poi introdotti nuovi limiti con riferimento al pignoramento delle somme relative al rapporto di lavoro o di impiego.

Nel dettaglio, le somme dovute dai privati a titolo di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego (comprese quelle dovute a causa di licenziamento), possono essere pignorate per crediti alimentari nella misura autorizzata dal presidente del tribunale o da un giudice da lui delegato, mentre per i tributi dovuti allo Stato, alle province e ai comuni e per ogni altro credito possono essere pignorate nella misura di un quinto.

Le somme da chiunque dovute a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni di quiescenza, invece, secondo quanto previsto dalla recente riforma, non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell'assegno sociale, aumentato della metà, mentre la parte eccedente è pignorabile nelle misure previste per stipendio e salario e per le altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego.

Nel caso di accredito su conto bancario o postale intestato al debitore di tutte le predette somme, il d.l. n. 83/2015 ha previsto due diverse ipotesi.

Nel caso in cui l'accredito in banca sia antecedente al pignoramento, esse potranno essere pignorate per l'importo eccedente il triplo dell'assegno sociale, mentre, se l'accredito è contestuale o successivo al pignoramento, esse potranno essere pignorate nella misura autorizzata dal giudice, in ogni caso non oltre il quinto.

Se il pignoramento supera tutti i predetti limiti, la parte eccedente è inefficace.

Fac-simile di pignoramento presso terzi

Formula pignoramento presso terzi

NB: La formula è aggiornata con le nuove disposizioni della legge n. 119/2016 di conversione del d.l. n. 59/2016 che obbliga il creditore a inserire nel pignoramento l'avviso al debitore che, a norma dell'articolo 615, secondo comma, terzo periodo, l'opposizione e' inammissibile se e' proposta dopo che e' stata disposta la vendita o l'assegnazione a norma degli articoli 530, 552 e 569, salvo che sia fondata su fatti sopravvenuti ovvero che l'opponente dimostri di non aver potuto proporla tempestivamente per causa a lui non imputabile.


 

Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(09/09/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Guida legale sull'assegno di mantenimento
» Atto di querela: il fac-simile aggiornato con guida di approfondimento e note giurisprudenziali
» Avvocati: va sanzionato chi chiama la collega "signora"
» Carte di credito: occhio alla truffa del codice Cvv
» Ddl crocifisso: fino a mille euro di multa per chi si rifiuta di esporlo

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF