Sei in: Home » Articoli

Welfare e associazioni: firmato protocollo d'intesa per contrasto al lavoro minorile

È stato firmato il 12 ottobre scorso, dal Ministero del lavoro, della salute e delle politiche Sociali con l'associazione “S.O.S. – il Telefono Azzurro ONLUS” il protocollo d'intesa finalizzato a contrastare il lavoro minorile e rendere più efficace l'azione di questi soggetti nella lotta congiunta allo sfruttamento del lavoro minorile. Il protocollo, che definisce le modalità di azione per contrastare il lavoro minorile attraverso vari strumenti, tra cui il “Servizio 114 Emergenza Infanzia” (istituito con decreto del 6 ottobre 2003 e affidato in gestione a telefono Azzurro) che renderà più veloce l'azione delle direzioni provinciali del lavoro in base alle segnalazioni pervenute.
Inoltre, dal Protocollo si apprende che la Direzione generale per l'Attività Ispettiva del Ministero e il Telefono Azzurro si impegneranno “a definire rapporti di collaborazione con particolare riferimento alle attività di sensibilizzazione, formazione, ricerca ed elaborazione dei contenuti scientifici al fine di porre in essere azioni capaci di contrastare il fenomeno del lavoro minorile” (art. 1, comma 3 del protocollo d'intesa.). Verrà poi creata una mappatura delle strutture territoriali che si attiveranno per intervenire nei casi in cui vengano coinvolti bambini, adolescenti italiani e di ogni altra nazionalità. Infine verranno promosse tutte le attività di comunicazione sul tema del lavoro minorile, anche attraverso la diffusione della conoscenza del Servizio 114 Emergenza infanzia.
(25/10/1009 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Accedere all'email altrui è reato anche se si conosce la passwordAccedere all'email altrui è reato anche se si conosce la password

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF