Sei in: Home » Articoli

Possesso di buona fede: indennizzo per miglioramenti e addizioni

Il diritto del possessore di buona fede a ricevere un indennizzo per i miglioramenti arrecati al bene altrui, così come previsto dall’art. 1150 del codice civile, è strettamente connesso all’aumento attuale ed effettivo che si verifica nel patrimonio del proprietario che agisce per la rivendica del bene. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione (sentenza n. 16012/2002) precisando però che, ove l’opera realizzata sia necessariamente destinata alla demolizione, si deve escludere il diritto del possessore all’indennizzo data la precarietà dell’aumento di valore conseguito dal fondo rivendicato.
(28/12/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Gratuito patrocinio: se il ricorso è inammissibile addio compenso all'avvocato
» Stralcio debiti sotto mille euro: la prima sentenza
» Stralcio debiti sotto mille euro: la prima sentenza
» Stop al divieto delle due lauree
» Quota 100: in pensione prima ma con assegno pi leggero

Newsletter f g+ t in Rss