È scattato il conto alla rovescia per i datori di lavoro e per i lavoratori coinvolti nell'importante e complessa operazione di adesione ai fondi pensione.Dal 1° gennaio, infatti, in anticipo rispetto al previsto, è entrato in vigore la riforma della previdenza complementare con il relativo conferimento del tfr maturando ad un fondo pensione o ad una forma previdenziale di tipo assicurativo. La previdenza complementare è nata (decreto legislativo n. 124 del 21 aprile 1993) dalla presa di coscienza che la copertura previdenziale pubblica negli anni non era più sufficiente a causa dello squilibrio crescente tra contributi e prestazioni. Scopo della previdenza complementare è dare al lavoratore la possibilità di costituirsi una seconda pensione, integrativa appunto, da aggiungere a quella obbligatoria erogata dagli enti di previdenza, per fronteggiare la progressiva perdita di capacità di conservare un tenore di vita analogo a quello assicurato dagli ultimi stipendi, ingenerata dal graduale abbandono del sistema retributivo a favore di quello contributivo. (Dott. Gabriele Turelli - Rag. Davide Lotti)
Approfondimento del Dott. Turelli e Rag. Lotti
Vedi anche:
Guida al TFR (trattamento di fine rapporto) Articoli sul TFR Il calcolo del TFR
Condividi
Feedback

(03/07/2007 - Laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

In evidenza oggi:
» Stalking se il padre assilla la ex con la scusa di vedere il figlio
» Frammenti: le short stories di Studio Cataldi