Sei in: Home » Articoli

Vacanza bidone? Da oggi è risarcibile anche il danno morale

Finalmente, nel mondo giudiziario, s’inizia a intravedere una sempre maggiore attenzione per i diritti dei vacanzieri che spesso, loro malgrado, debbono fare i conti con spiacevoli inconvenienti. Quando ci si vede sfumare le proprie vacanze, il rimborso del viaggio non è che una magra consolazione visto che di tempo libero il vivere moderno ce ne regala veramente poco. Proprio per questo si è posto il problema di prevedere un autonomo risarcimento per le sofferenze patite per i disagi da “vacanza rovinata”. Una simile previsione era già contenuta in una legge del 77 (la n. 1084) che aveva reso esecutiva una Convenzione di Bruxell del 1970 e che era stata richiamata dall’art. 16 del Dlgs n. 111/95. In realtà molti Tribunali Italiani si ostinavano a negare la risarcibilità dei danni non patrimoniali vista la mancata rilevanza penale dei fatti che avevano potuto rovinare la vacanza. Oggi però la Corte di Giustizia è intervenuta sull’argomento (12/3/2002 C-168/00) ed ha chiarito che il consumatore ha diritto al risarcimento del danno morale che sia conseguenza dell'inadempimento o dalla cattiva esecuzione delle prestazioni fornite in occasione di un viaggio "tutto compreso". Questa soluzione si basa su una corretta interpretazione dell’art. 5 della direttiva del Consiglio del 13 giugno 1990, 90/314/CEE. Insomma d’ora in avanti sarà più semplice richiedere un equo risarcimento per tutti quei disagi e disservizi che siano imputabili all’organizzatore del viaggio.
(18/03/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Bollette gas: dal 1° gennaio prescrizione ridotta a 2 anni
» Gratuito patrocinio: se il ricorso è inammissibile addio compenso all'avvocato
» Stralcio debiti sotto mille euro: la prima sentenza
» Stop al divieto delle due lauree
» Gratuito patrocinio: se il ricorso inammissibile addio compenso all'avvocato

Newsletter f g+ t in Rss