Sei in: Home » Articoli

Calderone (Consulenti del Lavoro): va dato respiro imprenditori con la compensazione certificata per i debiti della P.A.

euro
Intervenendo nel dibattito sul ruolo delle professioni lanciato dal quotidiano "Corriere della Sera", Marina Calderone, presidente del Consiglio nazionale dell'Ordine dei Consulenti del lavoro, ha fatto presente che "La compensazione tra i crediti e i debiti accumulati dalle imprese con la Pubblica amministrazione, certificata dai consulenti del lavoro, potrebbe dare un grande respiro ai tartassati imprenditori". In un'epoca caratterizzata dall'emergenza la Calderone spiega che la compensazione certificata potrebbe effettivamente "tamponare il clamoroso buco dei debiti della Pubblica amministrazione accumulati nei confronti degli imprenditori". Sempre più spesso - spiega Calderone - Le aziende soffrono di una carenza di liquidità dovuta al mancato rilascio del Durc (il Documento unico di regolarita' contributivo) che è richiesto obbligatoriamente per il pagamento dei crediti da parte degli enti pubblici. Il Durc viene rilasciato solo in presenza di una 'regolarità' dell'azienda nel pagamento dei contributi previdenziali.
Il problema però, spiega Calderone, è che risulta "difficile comprendere come si possano pagare regolarmente i contributi dovuti in assenza del puntuale incasso dei crediti". In buona sostanza la pubblica amministrazione spesso paga con anni di ritardo e gli imprenditori per far fronte ai propri debiti debbono spesso ricorrere a prestiti bancari trovandosi così in una situazione di sofferenza cronica.
Altre informazioni su questo argomento
(13/01/2012 - N.R.)
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Accedere all'email altrui è reato anche se si conosce la passwordAccedere all'email altrui è reato anche se si conosce la password

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF