Dare del "voltagabbana" a chi cambia spesso opinione può far scattare una condanna per diffamazione. E' quanto sottolinea la Corte di Cassazione (sentenza 46923/2007) che ha censurato l'uso di questo termine che "nei dizionari correnti, e' riferito a chi cambia opinione disinvoltamente e con leggerezza per opportunismo e secondo le convenienze". In realtà l'uomo accusato di diffamazione non si era limitato a dare del "voltagabbana" alla persona offesa ma lo aveva anche accusato di "far buttar via i soldi ai condomini e di essere un incompetente". Per queste frasi la Cassazione ha confermato la sua condanna. L'imputato nel rivolgersi alla corte aveva sostenuto che il termine 'voltagabbana' ' è "entrato di diritto nel linguaggio corrente usato frequentemente sia nei talk show televisivi sia in articoli giornalistici per rappresentare chi cambia improvvisamente opinione" e come tale non offensivo del decoro e dell'onore della persona a cui era stato rivolto. La quinta Sezione penale della Corte non ha condiviso questa tesi sottolineando che il termine bolla in senso negativo chi cambia opinione "con leggerezza".

In evidenza oggi: