L'articolo 52 della Costituzione definisce come sacro il dovere di difendere la Patria e lo riconosce in capo ad ogni cittadino. A tal fine, la Costituzione rimette alla legge la definizione dei caratteri del servizio militare

Il testo dell'art. 52 Costituzione

[Torna su]

"La difesa della Patria è sacro dovere del cittadino.

Il servizio militare è obbligatorio nei limiti e modi stabiliti dalla legge. Il suo adempimento non pregiudica la posizione di lavoro del cittadino, né l'esercizio dei diritti politici.

L'ordinamento delle Forze armate si informa allo spirito democratico della Repubblica."

Art. 52 Costituzione e difesa della Patria

[Torna su]

La difesa della Patria si pone come dovere fondamentale del cittadino, tanto che l'articolo in esame lo definisce come sacro, poiché sul piano morale esso sancisce il legame tra l'individuo e la Repubblica.

Inteso in tal senso, il dovere di difendere la Patria si inserisce nel novero dei doveri inderogabili di solidarietà sociale individuati dall'art. 2 Cost., ed anzi ne rappresenta l'esempio più pregnante.

Il servizio militare nella Costituzione

[Torna su]

Approvata nell'immediato dopoguerra, la Costituzione non poteva esimersi dal dare risalto al servizio militare quale strumento principale attraverso cui realizzare il fine della difesa della Patria.

Più precisamente, il servizio militare è considerato come il più chiaro esempio di prestazione personale a cui il cittadino può essere obbligato per legge, a norma dell'art. 23 della Costituzione.

Nel corso degli anni, però, la rilevanza del servizio militare è andata scemando, soprattutto per motivi di coscienza sociale, ma anche per le mutate esigenze delle moderne forze armate.

Negli anni '70, in particolare, fu introdotto il servizio civile, oggetto di ulteriore riordino normativo a fine anni '90. Il servizio civile permette agli obiettori di coscienza (cioè a chi, per convinzioni pacifiste o per altri motivi, rifiuta l'uso delle armi) di assolvere i propri obblighi verso la Patria in un modo alternativo rispetto alla difesa militare, ad esempio svolgendo servizi socialmente utili.

Ad inizio millennio, poi, a decorrere dall'anno 2005, il servizio militare ha perduto il tradizionale carattere dell'obbligatorietà. Servizio militare e servizio civile si svolgono oggi, pertanto, su base facoltativa.


Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: