La visura camerale è un documento che contiene informazioni sulle imprese italiane iscritte al registro delle imprese tenuto dalle Camere di Commercio
scheda aziendale e dati in sicurezza

Cos'è la visura camerale

[Torna su]

La visura camerale è un documento redatto e aggiornato dalle Camere di Commercio, dell'Industria, Artigianato ed Agricoltura, che contiene dati e informazioni relative alle imprese italiane, individuali o collettive, iscritte nel Registro delle Imprese.

Tipi di visure camerali

[Torna su]

Di visure camerali ne esistono due tipi:

  • visura ordinaria, che contiene i dati aggiornati dell'impresa;
  • visura storica, che riporta tutte le informazioni passate sull'impresa, comprese le modifiche avvenute nel corso del tempo.

Cosa contiene la visura camerale

[Torna su]

La visura camerale contiene principalmente le seguenti informazioni:

  • data di nascita dell'impresa;
  • sede legale dell'impresa;
  • stato dell'attività (attiva, cessata o in liquidazione);
  • dati del capitale sociale;
  • dati anagrafici del singolo imprenditore o dei soci;
  • cariche sociali (amministratori, delegati, soci, ecc).
  • eventuali certificazioni di qualità;
  • partita Iva;
  • codice REA (Repertorio delle notizie Economiche e Amministrative);
  • numero dei dipendenti nell'anno in corso;

A cosa serve

[Torna su]

Le visure camerali forniscono informazioni utili a diversi soggetti. I potenziali investitori ad esempio possono capire se l'impresa è sana e lavora, mentre i creditori hanno la possibilità di verificare chi è il soggetto contro il quale agire per recuperare il loro diritto o se ci sono beni pignorabili.

Come e dove si chiede la visura camerale

[Torna su]

Per avere una copia della visura camerale ordinaria di un'impresa occorre conoscere quantomeno il codice fiscale dell'imprenditore individuale o la partita Iva della società. Per chiederla ci si deve rivolgere alla Camera di Commercio a cui è iscritta l'impresa o la società. I costi di segreteria variano in base al tipo di visura e alla natura del soggetto.

Validità della visura camerale

[Torna su]

In base a quanto sancito dall'art. 41 del D.P.R. n. 445/2000 - Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa - i certificati rilasciati dalle pubbliche amministrazioni, se non attestano stati, qualità personali e fatti non soggetti a modificazioni (in questo caso la durata illimitata), hanno una durata di sei mesi dalla data di rilascio a meno che, una legge o un regolamento non ne stabiliscano una superiore.

Leggi anche:

- Ricerca beni da pignorare: ecco le linee guida di Milano

- Visure commerciali, catastali, ipotecarie

Condividi
Feedback

(09/05/2020 - Annamaria Villafrate) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: