Cos'è l'autocertificazione di residenza, come va fatta e come certificare anche il domicilio e lo stato di famiglia, con modello da utilizzare
lente che guarda varie case a fini acquisto o residenza

di Valeria Zeppilli - L'autocertificazione di residenza è la dichiarazione con la quale un soggetto attesta autonomamente di risiedere in un determinato Comune italiano e a un certo indirizzo. Essa, se correttamente redatta, sostituisce a tutti gli effetti il certificato di residenza.

Come fare l'autocertificazione di residenza

[Torna su]

Redigere un'autocertificazione di residenza è una cosa molto semplice, in quanto non sono richieste particolari formalità ma basta utilizzare un foglio bianco e, prima della dichiarazione vera e propria, specificare di essere consapevoli delle sanzioni penali previste in caso di falsità in atti e dichiarazioni mendaci.

Fatta questa precisazione, dopo aver inserito i propri dati anagrafici occorre indicare il Comune e l'indirizzo nei quali si risiede.

Alla dichiarazione va allegata la fotocopia del proprio documento di identità.

La residenza

[Torna su]

È a questo punto opportuno ricordare che per residenza si intende il luogo in cui un soggetto ha la propria dimora abituale, ovverosia il luogo ove egli abita stabilmente e in maniera duratura.

Si distingue dal domicilio in quanto quest'ultimo è il luogo dove una persona ha stabilito la sede principale dei suoi affari e interessi.

Leggi:

- La residenza

- Che differenza c'è tra domicilio e residenza?

Certificato di residenza

[Torna su]

In sostanza, l'autocertificazione sostituisce il certificato di residenza che deve essere richiesto all'ufficio anagrafe del Comune in cui si risiede e che viene rilasciato dopo che sia stato pagato l'importo di 52 centesimi, se si chiede il certificato in carta semplice, o di 16 euro, se si chiede il rilascio in bollo.

Per chi si reca direttamente in anagrafe il rilascio è contestuale, ma se la richiesta è fatta telematicamente o telefonicamente è necessario attendere un periodo più o meno lungo a seconda dell'efficienza e dell'organizzazione del Comune.

Autocertificazione residenza storica

[Torna su]

L'autocertificazione può riguardare non solo la residenza attuale, ma anche la residenza storica.

In questo secondo caso, oltre al Comune e all'indirizzo nel quale si risiede attualmente occorre specificare anche dove si è risieduto in passato e lungo quale arco temporale (ad esempio, dal _____ al ______ nel Comune di ________ alla via ___________; dal ______ al ______ nel Comune di _______ alla via ________, etc.).

Autocertificazione residenza e domicilio

[Torna su]

L'autocertificazione di residenza può estendersi, poi, anche al domicilio.

In tal caso, oltre al luogo nel quale si risiede, l'autocertificazione deve indicare anche quello nel quale il dichiarante ha stabilito la sede principale dei propri affari e interessi.

Per approfondimenti leggi Il domicilio

Autocertificazione residenza e stato di famiglia

[Torna su]

Infine, con l'autocertificazione di residenza e stato di famiglia è possibile attestare autonomamente non solo il Comune e l'indirizzo nel quale si risiede, ma anche come è composta la propria famiglia, indicando il cognome, il nome, il luogo e la data di nascita di tutti coloro che ne fanno parte, specificando anche qual è il vincolo che li lega al dichiarante (rapporto di parentela o coniugio).

Fac-simile autocertificazione residenza editabile

[Torna su]

Di seguito un modello di autocertificazione di residenza editabile:

Autocertificazione di residenza

Art. 46 d.p.r. n. 445/2001

Io sottoscritto/a ____________________ nato/a a ___________________ il ____________________ codice fiscale: _______________________

consapevole delle sanzioni penali previste in caso di falsità in atti e dichiarazioni mendaci ex art. 76 d.p.r. n. 445/2000

DICHIARO

di risiedere nel Comune di ___________________________ (___) al seguente indirizzo ______________________________ n. ______.

Luogo, data __________________

Firma ______________________

Si allega fotocopia del documento di identità


Vai alla guida Autocertificazione

Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: