Si chiama Vinco.net ed è il sistema automatizzato lanciato in Italia per i ricorsi fai da te contro le multe ingiuste
uomo perplesso trova multa sulla sua auto

di Redazione - Multe, da oggi ricorsi fai da te online e senza avvocato. Sarà possibile ricorrere contro le sanzioni per divieto di sosta, semaforo rosso, autovelox, sorpasso vietato e altro ancora. A lanciare l'iniziativa in Italia è il portale Vinco.net che offre un sistema automatizzato per creare un ricorso da soli senza chiedere consulenze o dare incarico ad un legale.

Multe fai da te

[Torna su]

Il portale Vinco.net nella sezione ricorsi fai da te consente di creare il proprio ricorso e contestare così la multa che si ritiene ingiusta.

Tuttavia, per avere accesso al sistema automatizzato, bisognerà creare un account e pagare 9 euro di iscrizione. Dopo di che si avrà accesso illimitato per una settimana, potendo modificare il ricorso o crearne altri senza limitazioni.

I ricorsi possibili

[Torna su]

I ricorsi possibili riguardano le sanzioni per divieto di sosta, semaforo rosso, autovelox, corsia preferenziale, Ztl, sorpasso vietato e mancata comunicazione dei dati del conducente. Ossia, si legge sul portale, quelle "che rappresentano circa il 90% delle casistiche di multe stradali".

Ad oggi, tramite il sistema si potranno inviare soltanto ricorsi al prefetto ma potrà anche essere adito il giudice di pace. Basterà, una volta completato l'inserimento dei dati richiesti dal sistema, generare il ricorso, predisposto per l'autorità di competenza, scaricarlo in pdf, e inviarlo seguendo le istruzioni precedentemente inviate via mail.

Ricorsi multe anche da smartphone

[Torna su]

La piattaforma è accessibile sia da computer che da smartphone e prevede anche la modalità di assistenza da un team di professionisti per i ricorsi contro ingiunzioni e cartelle.

Leggi anche Multe: ricorsi gratis e senza avvocato

Condividi
Feedback

(16/01/2020 - Redazione) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Coronavirus: stop agli incontri tra padre e figlio residenti in comuni diversi
» Sospensione del mutuo: ecco il modello