Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Telefono alla guida: fino a 1700 euro di multa

Condividi
Seguici

La Camera si appresta ad esaminare la riforma al codice della strada. Le modifiche prevedono anche cinture di sicurezza per gli scuolabus e strisce pedonali rialzate
donna alla guida con cellulare in mano

di Gabriella Lax - La Camera si appresta ad esaminare e votare la riforma al Codice della strada nel testo unificato approvato nei mesi scorsi dalla commissione trasporti (leggi Codice della strada: arriva la riforma). Il fine è quello di migliorare la sicurezza e i recenti fatti di cronaca hanno dato, come se non bastasse, una ulteriore spinta a procedere.

Multe più care per chi usa il cellulare alla guida

Tra le nuove norme che riguardano la sicurezza strale, in primis, c'è un forte aumento delle multe per chi guida con lo smartphone (da 422 a 1697 euro, e sospensione della patente fino a tre mesi in caso di recidiva). Questo perché la guida col cellulare è la causa principale, insieme all'alta velocità, di incidenti sovente mortali.

Cinture di sicurezza per scuolabus

Il codice prevede l'obbligo di cinture di sicurezza per gli scuolabus, a partire dal 2024, e la distanza di sicurezza laterale di 1,5 metri quando si supera una bicicletta. Sempre riguardo alla scuola, nel testo ci sono una serie di misure quali l'istituzione da parte dei Comuni delle zone scolastiche, ossia strade intorno alle scuole in cui limitare la velocità a 30 chilometri orari, almeno durante gli orari di entrata ed uscita.

Strisce pedonali rialzate

Tra le novità previste anche la possibilità di attraversamenti pedonali rialzati ad altezza marciapiede, con conseguente rallentamento delle auto; o ancora la possibilità per i comuni di fare uso delle bande sonore sulle strade per far rallentare la velocità. Tra le richieste bocciate, invece, la proposta di elevare da 130 a 150 km/h il limite nelle autostrade a tre corsie sottoposte a tutor.

(09/01/2020 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Casa assegnata alla ex: al marito neppure il seminterrato
» Pensioni più basse per errore dell'Inps: cosa fare

Newsletter f t in Rss