Per effetto della manovra 2020 filtri, cartine e tabacco trinciato si potranno acquistare solo dai tabaccai. Ecco le novità
vendita di sigarette tabacchino

di Gabriella Lax - Il nuovo anno si apre con altre tasse per i fumatori. Per effetto della legge di bilancio 2020 filtri, cartine e tabacco trinciato non si potranno acquistare nei supermercati o negozi etnici ma solo dai tabaccai.

Nuova tassa sul fumo

[Torna su]

Dunque cartine e filtri per preparare le sigarette, già da inizio anno, potranno essere comprate esclusivamente nelle tabaccherie. A stabilirlo è la nuova imposta di consumo introdotta dalla legge di bilancio sui cosiddetti prodotti accessori del «tabacco trinciato a taglio fino».

Il provvedimento delle Dogane

[Torna su]

Un divieto di vendita di cartine e filtri nei supermercati e nei negozi etnici, ribadito dalla sigla del direttore facente funzione delle Dogane, Roberta de Robertis che è il primo provvedimento attuativo della legge di bilancio. Il provvedimento dell'agenzia delle Dogane stabilisce le modalità di commercializzazione dei prodotti accessori, iniziando dall'identificazione dei soggetti obbligati, ossia i produttori o fornitori italiani o esteri obbligati al pagamento della nuova imposta di consumo. Vengono definiti i prodotti accessori ai fini dell'assegnazione del codice identificativo del soggetti obbligati.: ossia «cartine, cartine arrotolate senza tabacco e i filtri, funzionali al consumo dei trinciati a taglio fino per arrotolare le sigarette».

I guadagni per lo Stato

[Torna su]

Gli italiani, ogni anno, consumano 5 miliardi di confezioni di cartine e quasi 4 miliardi di filtri. Secondo i calcoli fatti, la nuova normativa sulla vendita degli accessori per le sigarette fai da te porterà all'Erario circa 30 milioni di euro l'anno, non contando però la contropartita dei gravi danni alle imprese italiane produttrici di filtri e cartine.

Il reso degli invenduti

[Torna su]

E i prodotti da fumo rimasti invenduti nei supermercati? È la stessa manovra a stabilire che, per ovviare a questo inconveniente, si potrà chiedere il reso della merce invenduta ai produttori/rivenditori di filtri e cartine.

Condividi
Feedback

(06/01/2020 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Violenze in famiglia ai tempi del Coronavirus
» Rapporti genitori separati e figli: il vademecum degli avvocati civilisti