L'Agenzia delle entrate ha pubblicato bozze dei modelli 730, Cu e 770 2020 con relative istruzioni per la dichiarazione dei redditi del nuovo anno
modello 730 2019

di Gabriella Lax - Online le bozze del modello 730, della CU per il 2020 e del modello 770. L'Agenzia delle Entrate ha pubblicato qualche giorno fa bozze dei modelli e relative istruzioni per orientarsi tra le novità. Basta entrare sul sito dell'Agenzia nella sezione "Modelli", e nello specifico "Modelli in bozza" per trovare e scaricare le versioni provvisorie dei tre modelli relativi alla dichiarazione dei redditi 2020.

Modello 730 2020

[Torna su]

È vero che si tratta ancora di bozze, ma le novità contenute sono già parecchie.

La scadenza stabilita per presentare il modello 730/2020 sia ordinario, sia precompilato tramite i Caf o il commercialista è il 23 luglio 2020. Mentre il 7 luglio 2020 è stata rinnovata la scadenza per la presentazione della dichiarazione dei redditi al sostituto d'imposta. Nessun cambiamento in questi due casi rispetto allo scorso anno. Ma le istruzioni pubblicate dall'Agenzia delle Entrate contengono anche delle novità per la dichiarazione dei redditi del prossimo anno, in primis l'addio al modello cartaceo del 730 e l'estensione dell'utilizzo del modello agli eredi delle persone decedute nel 2019 (o entro il 23 luglio 2020). La convenienza del modello 730 sta nel fatto che : non essendoci calcoli da fare la compilazione è semplice. Inoltre, il rimborso dell'Irpef sarà fatto in busta paga a partire da luglio o sulla rata della pensione da agosto o settembre; se serve versate delle somme, queste vengono trattenute dalla busta paga (da luglio) o dalla rata della pensione (da agosto o settembre).

In arrivo altre novità

[Torna su]

Ecco le novità che, ricordiamo, essendo ancora il documento una bozza, potrebbero essere suscettibili di ulteriori cambiamenti.

I figli di età non superiore a 24 anni vengono considerati a carico fino a 4.000 euro di reddito, sono state così aggiornate le istruzioni relative ai familiari a carico.

Viene aumentato l'importo massimo annuo per la detrazione delle spese d'istruzione fino a 800 euro.

Solo i lavoratori residenti a Campione d'Italia potranno usufruire dell'agevolazione fiscale a loro riservata grazie all'istituzione di due nuovi codici tributo.

Chi impartisce lezioni private dovrà indicare il codice "5" se sceglie la tassazione ordinaria, oppure deve presentare anche il quadro RM insieme al modello Redditi PF 2020.

In caso di erogazioni liberali a favore di Onlus, organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale, nel rigo E36 è presente una colonna denominata "Residuo precedente dichiarazione" per indicare l'importo deducibile non utilizzato nella dichiarazione dei redditi relativa al 2018.

A disposizione un unico rigo (E56 nella sezione III C del quadro E) per "riscatto della laurea" e delle "colonnine per ricarica" di auto elettriche, in cui va indicato l'importo delle due detrazioni.

Viene, infine, eliminata la colonna 5 "Quota Tfr" del rigo C14 successivamente alla mancata proroga per il 2019 delle disposizioni che prevedevano l'erogazione in busta paga della quota di TFR maturata nel periodo.

Per gli appartenenti alla comunità slovena

[Torna su]

Infine, una novità che riguarda solo per i contribuenti residenti in Friuli Venezia Giulia, appartenenti alla minoranza slovena. Dal 2020 potranno presentare i documenti attestanti spese mediche redatti in lingua slovena, senza dover allegare anche la traduzione in italiano.

Condividi
Feedback

(27/12/2019 - Gabriella Lax) Foto: agenziaentrate.gov.it
In evidenza oggi:
» Violenze in famiglia ai tempi del Coronavirus
» Rapporti genitori separati e figli: il vademecum degli avvocati civilisti