Le nuove tasse del 2020

Condividi
Seguici

Nuove tasse 2020: tutte le novità introdotte dalla legge di bilancio. Ecco le 6 tasse che graveranno su cittadini e imprese dal prossimo anno
donna disperata per troppe tasse

di Annamaria Villafrate - Nella nottata compresa tra l'11 e il 12 dicembre la Commissione Bilancio del Senato ha dato la sua approvazione alla manovra, comprese alcune novità in materia di tasse, come le famose sugar tax e plastic tax di cui si è parlato per mesi. Il testo della legge di bilancio, così come licenziato dalla commissione, è stato approvato in via definitiva dalla Camera il 23 dicembre 2019.

Vediamo le novità che ci attendono dal 2020 e quali nuove tasse svuoteranno i portafogli degli italiani:

  • 1. Plastic tax: 45 centesimi a chilo
  • 2. Sugar tax a partire da ottobre 2020
  • 3. Robin Tax concessionari al 3,5%
  • 4. La tassa sulla fortuna sale al 20%
  • 5. Tassa auto aziendali
  • 6. Tobin tax
  • Plastic tax: 45 centesimi a chilo

    Approvata la tassa sulla plastica, per disincentivare il consumo usa e getta di questa materiale altamente inquinante. La tassa è prevista nella misura di 45 centesimi per ogni chilo di plastica monouso. Un emendamento dell'ultimo minuto ha inserito tra i materiali tassabili anche il tetrapack, quello delle buste del latte e dei succhi di frutta, tanto per intenderci. Esclusi invece dalla tassa i materiali in plastica riciclata e quelli con una percentuale di questo materiale inferiore al 40% del totale.

    Sugar tax a partire da ottobre 2020

    In base a un emendamento approvato in commissione la sugar tax, che prevede la tassazione delle bevande analcoliche zuccherate (con l'aggiunta di sostanze dolcificanti di origine naturale o sintetica), nella misura di 10 centesimi al litro, è passata ma la sua entrata in vigore è prevista per ottobre 2020.

    Robin Tax concessionari al 3,5%

    Sale al 3,5% l'addizionale Ires che andrà a gravare sulle tasche dei concessionari di autostrade, aeroporti, ferrovie e porti. L'aumento, che varrà per gli anni dal 2019 fino al 2021 determina quindi l'aumento dell'Ires dal 24 al 27,5%. All'inizio la platea dei soggetti passivi era più ampia, ma si è voluto evitare per impedire l'aumento delle bollette.

    La tassa sulla fortuna sale al 20%

    Dal primo marzo del 2020 la tassa sulle vincite di importo superiore a 500 euro, in cui rientrano anche le lotterie istantanee come i gratta e vinci, sale al 20%. Sale al 20% da gennaio anche il prelievo sulle vincite di importo superiore ai 200 euro alle newslot e videolottery.

    Questo aumento serve per tamponare le minore entrate dovute al rinvio della plastic tax e della sugar tax. Dall'aumento della tassa sulla fortuna lo Stato prevede di incassare 308 milioni di euro.

    Tassa auto aziendali

    Dal luglio 2020 la nuova tassazione delle auto aziendali riguarderà le neo immatricolate.

    Il fringe benefit per l'auto aziendale scende al 25% per le auto meno inquinanti, per quelle che inquinano di più invece a partire dal 2021 sale addirittura al 60%.

    Tobin tax

    Infine, imposta dello 0,4% sulle transazioni finanziarie. La Tobin tax verrà applicata senza tenere conto della "natura dell'attività sottostante, che determina la variazione di valore dei contratti per differenza." Pare però che la percentuale dello 0,4% sia frutto di un errore di battitura, la tassa definitiva infatti dovrebbe essere dello 0,04%, se verrà consentito a Fratelli d'Italia, che hanno elaborato l'emendamento, di apportare le necessarie modifiche.

(13/12/2019 - Annamaria Villafrate) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Equa riparazione: compensi agli avvocati in base al DM 55/2014
» Incidenti stradali: dal risarcimento va sottratta l'indennità di accompagnamento

Newsletter f t in Rss