Arriva la tassa europea sulla plastica

Il nuovo balzello sarà proposto il 16 gennaio a Strasburgo dal commissario per il bilancio dell'Ue. Obiettivo ambientale ma anche per colmare il gap della Brexit
numeri di plastica che formano una sfera nella mano di una donna

di Gabriella Lax - In arrivo dall'Unione europea la tassa sulla plastica. Il nuovo balzello sarà proposto il prossimo 16 gennaio a Strasburgo, da Günther Oettinger, commissario per il bilancio dell'Ue.

Tassa sulla plastica, l'Ue ne produce troppa

E' lo stesso a spiegare: «Dal primo gennaio la Cina ha chiuso il mercato, non prende più plastica da riciclare, in Europa ne utilizziamo e produciamo troppa. Per questo la prossima settimana la Commissione presenterà un pacchetto di misure, tra cui una tassa sulla plastica, per disincentivare l'utilizzo. Nonostante il riciclaggio la plastica finisce nei rifiuti, e dal 1 gennaio non va nemmeno più in Cina, dove diventava giocattoli per bambini».

Come riporta Italia Oggi, il nuovo balzello non assume solo un valore ambientale ma servirà anche per colmare il gap dei 12/14 mld di sterline che il Regno Unito lascerà come eredità della Brexit. La nuova tassa sarà messa a bilancio alla voce «nuove risorse finanziarie» e sarà messa a disposizione esclusivamente dell'Unione. Comincia a materializzarsi il progetto dell'Unione europea di avere maggiori entrate fiscali indipendenti dal contributo dei singoli Stati.

Alla proposta della nuova tassa sono legati parecchi interrogativi: in primis, ricadrà sui consumatori o sui produttori di plastica? Per le risposte, occorrerà attendere gli sviluppi successivi!


(12/01/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Usura e restituzione degli interessi del mutuo
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura

Newsletter f g+ t in Rss