Sei in: Home » Articoli

Invalidità civile agevolazioni

Condividi
Seguici

In quali casi spettano le agevolazioni e le misure di sostegno economico e sanitario per l'invalidità civile. Guida alle agevolazioni per invalidità civile
sedia a rotelle ferma di fronte a scale
Avv. Marco Sicolo - Il riconoscimento dell'invalidità civile comporta il diritto a una serie di agevolazioni a favore del soggetto interessato.

Tali misure di sostegno economico sono accordate a seconda del grado di invalidità riconosciuto. Come noto, la percentuale di invalidità indica il grado della riduzione permanente della capacità lavorativa.

  • 1. Quando spettano le agevolazioni per l'invalidità civile
  • 2. Differenze di disciplina tra invalidità civile e disabilità
  • 3. Invalidità civile e assistenza sanitaria
  • 4. Le agevolazioni fiscali
  • 5. Il sostegno al collocamento dell'invalido civile
  • 6. Invalidità civile: agevolazioni economiche
  • Quando spettano le agevolazioni per l'invalidità civile

    La previsione di misure di sostegno per gli invalidi civili risponde al principio costituzionale secondo cui devono essere garantite forme di mantenimento economico e assistenza sociale ai soggetti che risultano inabili al lavoro (cfr. art. 38 Cost.).

    Per l'invalidità civile le agevolazioni sono previste a partire da un grado minimo, e precisamente dal 33%, corrispondente alla riduzione di un terzo della capacità lavorativa, come da tabelle di cui al D.M. 5 febbraio 1992.

    Differenze di disciplina tra invalidità civile e disabilità

    In favore degli invalidi civili con grado invalidità compreso tra il 33% e il 73% non sono previste prestazioni economiche, ma sono previsti dei benefici relativi all'assistenza sanitaria e alcune agevolazioni fiscali.

    A questo riguardo, però, è importante premettere che la disciplina delle agevolazioni fiscali è dettata dal legislatore con riferimento alle persone con disabilità: va ricordato che i concetti di disabilità e invalidità civile non sono coincidenti.

    A conferma di ciò, va evidenziato che sono differenti i percorsi di accertamento della disabilità e dell'invalidità civile, così come sono distinte anche le principali leggi di riferimento, che sono rispettivamente, la l. 104/92 e la l. 118/71.

    Pertanto, per stabilire se anche il soggetto invalido civile possa beneficiare di determinate agevolazioni fiscali e sanitarie e sia destinatario della disciplina prevista dalla legge 104, occorre fare riferimento a quanto riportato nello specifico verbale rilasciato dalla commissione medica di invalidità civile.

    Invalidità civile e assistenza sanitaria

    Quanto all'assistenza sanitaria, è prevista l'erogazione di ausili a carico del SSN e, generalmente, l'esenzione parziale del ticket a partire da un invalidità superiore ai due terzi, cioè pari ad almeno il 66% (ad ogni modo è opportuno verificare cosa dispone la specifica disciplina regionale sul punto).

    È inoltre prevista la completa deducibilità delle spese mediche generiche e di quelle relative all'eventuale assistenza sanitaria e la possibilità di detrarre il 19% delle spese relative all'acquisto di ausili sanitari e di altre spese mediche specifiche.

    Le agevolazioni fiscali

    Le agevolazioni fiscali, invece, riguardano l'acquisto di autoveicoli, qualora dal verbale di invalidità civile risultino importanti limitazioni alla capacità di deambulazione o alla vista. In particolare, le agevolazioni consistono nelle seguenti misure:

    • acquisto auto con iva agevolata al 4%
    • possibilità di detrazione del 19% della spesa sostenuta
    • esenzione dal bollo auto
    • diritto al rilascio del contrassegno invalidi

    Ulteriori agevolazioni fiscali sono previste per l'acquisto di sussidi tecnici e informatici che favoriscano l'autonomia del soggetto, con riferimento a determinate minorazioni.

    Il sostegno al collocamento dell'invalido civile

    Una importante misura di sostegno per gli invalidi civili consiste nella possibilità di iscriversi nelle liste speciali di collocamento presso i Centri per l'Impiego competenti, al fine di favorire l'assunzione agevolata dell'interessato.

    Questa opportunità è riservata a chi abbia una riduzione della capacità lavorativa pari ad almeno il 46% e comporta la necessità di una visita di accertamento ex l. 68/99, ulteriore rispetto a quella con cui è stata riconosciuta l'invalidità civile.

    Invalidità civile: agevolazioni economiche

    Le prestazioni economiche riservate agli invalidi civili vengono erogate solo per un'invalidità pari o superiore al 74%.

    Tali prestazioni, subordinate alla verifica dei dati reddituali da parte dell'Inps, consistono nelle seguenti misure:

    • pensione di inabilità per i soggetti con inabilità lavorativa totale al 100%, aventi età minima 18 anni e massima pari all'età pensionabile per legge (fissata a 67 anni per il 2019);
    • assegno mensile per soggetti con invalidità parziale compresa tra 74% e 99%, in stato di bisogno economico (aventi età minima 18 anni e massima pari all'età pensionabile);
    • indennità di frequenza per l'inserimento scolastico dei minori invalidi.
    • indennità di accompagnamento per invalidi totali 100% che necessitano della presenza di un accompagnatore per la deambulazione o per il compimento degli atti quotidiani della vita.
    Per approfondimenti vai alla nostra guida pratica all'invalidità civile
(10/11/2019 - Marco Sicolo) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Cassazione: ex moglie ottiene mutuo, no all'assegno divorzile
» Perde l'affido il padre che 'parcheggia' le figlie dai nonni

Newsletter f t in Rss