Sei in: Home » Articoli

Arriva l'anonimometro

Condividi
Seguici

La legge di bilancio prevede lo strumento dell'anonimometro per stanare gli evasori fiscali
mano con guanto che trattiene soldi concetto evasione fiscale

di Annamaria Villafrate - Allo studio l'ennesimo strumento per contrastare l'evasione fiscale. Si tratta dell'anonimometro, che la legge di bilancio 2020 chiama "Evasometro anonimatizzato." Un sistema grazie al quale l'Agenzia delle Entrate potrà attingere in forma anonima ai dati dei contribuenti relativi alle abitudini di spesa, per procedere, in caso di scostamenti evidenti, agli opportuni controlli, per stanare gli evasori.

Vediamo cos'è, come funziona e quali vantaggi dovrebbe portare:

  1. Cos'è l'anonimometro
  2. Anonimometro anche per la Lotteria degli scontrini?
  3. Quali i vantaggi dell'anonimometro?

Cos'è l'anonimometro

L'anonimetro è un metodo di accertamento fiscale contenuto nella legge di bilancio, che deve essere discussa a novembre. Il funzionamento non è ancora chiaro. Per comprenderlo nel dettaglio è necessario attendere infatti l'approvazione definitiva della legge suddetta. A quanto pare però il meccanismo è totalmente informatizzato e alla base ci sarebbe l'incrocio di tutti i dati dei contribuenti, resi anonimi attraverso l'attribuzione di un codice identificativo e non tramite il codice fiscale, raccolti grazie alla fatturazione elettronica, agli scontrini elettronici e alla Superanagrafe dei conti correnti.

Il pratica il codice del contribuente verrà fatto girare nelle varie piattaforme da cui il Fisco può già attingere e da altre, a quanto pare, in arrivo. In questo modo, senza sconfinare nei limiti previsti dal Garante della privacy, l'Agenzia delle Entrate, ma anche la Guardia di Finanza potranno incrociare i dati a disposizione riferiti a un determinato contribuente, studiarne i comportamenti di spesa e comprendere, se ci sono scostamenti notevoli tra reddito dichiarato e uscite, se ha evaso le tasse o meno.

Anonimometro anche per la Lotteria degli scontrini?

A quanto pare si sta pensando di applicare l'anonimometro anche alla lotteria degli scontrini, l'altra misura pensata dal Governo Conte per contrastare l'evasione fiscale. La lotteria infatti si pone l'obiettivo di stimolare i contribuenti a chiedere lo scontrino e a comunicare nel contempo il proprio codice fiscale. Per poter realizzare tutto questo quindi è necessario che dal primo gennaio 2020 lotteria e scontrino elettronico partano insieme.

Ma in concreto come è possibile rendere anonimi anche i dati del contribuente per la lotteria? Attraverso la creazione di una piattaforma a cui ogni contribuente deve registrarsi, ricevendo in cambio un QR code o in alternativa un codice identificativo che può essere presentato al commerciante, al posto del codice fiscale, per esprimere il consenso alla giocata della Lotteria degli scontrini. A quanto pare però l'Agenzia, per stanare gli evasori, sta pensando anche a un'altra lotteria per coloro che pagano attraverso sistemi elettronici tracciabili.

Quali i vantaggi dell'anonimometro?

Il Governo, da tempo impegnato a contrastare la piaga dell'evasione fiscale, dichiara che attraverso l'introduzione dell'anonimometro conta di recuperare una parte del gettito, che negli ultimi tre mesi ha raggiunto una misura record, aumentando addirittura del 3,8 %. Il tutto nel rispetto, se possibile, della privacy dei cittadini. Insomma una vera e propria lotta ai furbetti che spendono denaro contante, frutto di attività irregolari se non addirittura illecite.

Leggi anche Evasione fiscale

(29/10/2019 - Annamaria Villafrate) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Seggiolini antiabbandono obbligatori da oggi
» Bullismo punito come lo stalking

Newsletter f t in Rss