Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Seggiolini antiabbandono in auto da marzo 2020

Condividi
Seguici

Dopo la pubblicazione in Gazzetta del decreto, al via l'obbligo del dispositivo da marzo 2020. Ecco le caratteristiche di cui devono essere dotati i seggiolini e come scegliere il più adatto
genitori sorridono alla propria bambina seduta nel seggiolino in auto

di Gabriella Lax - È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 249 del 23 ottobre scorso il decreto del ministero delle infrastrutture e dei trasporti 2 ottobre 2019, n. 122 dal titolo "Regolamento di attuazione dell'articolo 172 del Nuovo codice della strada in materia di dispositivi antiabbandono di bambini di età inferiore a quattro anni" (sotto allegato).

  1. Seggiolini antiabbandono obbligatorio da marzo 2020
  2. Le caratteristiche dei seggiolini
  3. Come scegliere il seggiolino

Seggiolini antiabbandono obbligatorio da marzo 2020

Il provvedimento consta di 7 articoli e 2 allegati che attuano l'articolo 172 del Nuovo codice della strada per prevenire l'abbandono di bambini nei veicoli ed entrerà in vigore il 7 novembre prossimo. Da qui parte il conteggio dei 120 giorni previsti dalla legge 117/2018 dopo i quali scatta l'obbligo di utilizzare i dispositivi. Si partirà dunque dal 7 marzo 2020. Dovrà essere dato il tempo a produttori e aziende di avere a disposizione i dispositivi conformi al decreto appena emanato e alle famiglie per l'acquisto del dispositivo.

Le caratteristiche dei seggiolini

In generale, chiarisce il decreto, il dispositivo può essere: integrato all'origine nel sistema di ritenuta per bambini; o una dotazione di base o un accessorio del veicolo, compresi nel fascicolo di omologazione del veicolo stesso; indipendente sia dal sistema di ritenuta per bambini sia dal veicolo.

Per quanto riguarda le caratteristiche funzionali essenziali:

- il dispositivo antiabbandono deve segnalare l'abbandono di un bambino di eta' inferiore a 4 anni, sul veicolo sul quale è trasportato, da parte del conducente del veicolo stesso mediante l'attivazione di uno dei segnali segnali visivi e acustici o visivi e aptici, percepibili all'interno o all'esterno del veicolo;

- il dispositivo deve essere in grado di attivarsi automaticamente ad ogni utilizzo, senza ulteriori azioni da parte del conducente;

- il dispositivo deve dare un segnale di conferma al conducente nel momento dell'avvenuta attivazione;

- nel caso in cui il dispositivo rilevi la necessità di dare un segnale di allarme, quest'ultimo deve essere in grado di attirare l'attenzione del conducente tempestivamente attraverso appositi segnali visivi e acustici o visivi e aptici, percepibili all'interno o all'esterno del veicolo;

- il dispositivo antiabbandono deve essere in grado di attivare il sistema di comunicazione;

- se alimentato da batteria, il dispositivo deve essere in grado di segnalare al conducente livelli bassi di carica rimanente;

- i dispositivi antiabbandono possono essere dotati di un sistema di comunicazione automatico per l'invio, per mezzo delle reti di comunicazione mobile senza fili, di messaggi o chiamate.

Per quanto riguarda le caratteristiche tecnico-costruttive essenziali:

a) Il dispositivo deve essere basato su sistemi elettronici con logiche di utilizzo o che utilizzano appositi sensori;

b) nell'interazione con il veicolo o con apposito sistema di ritenuta, il dispositivo non deve in alcun modo alterarne le caratteristiche di omologazione.

Come scegliere il seggiolino

Intanto fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio, soprattutto se si tratta di dispositivi che potrebbero non funzionare. Quindi, in generale, è sempre bene prestare la massima attenzione quando si viaggia con bambini per evitare i tragici episodi che la cronaca ci riporta. Un buon dispositivo dovrà attivarsi automaticamente quando il bambino si posa sul seggiolino; segnalare l'avvenuta attivazione; avere un allarme che preveda segnali visivi e acustici oppure visivi e aptici (cioè sostanzialmente vibrazioni o sensazioni analoghe, che si sentano al tatto) percepibili sia all'interno sia all'esterno del veicolo; essere conforme alle norme Ue sulla sicurezza dei prodotti e avere il marchio CE; funzionare grazie a un sistema elettronico e sensori; essere compatibile con gli attacchi delle cinture e del seggiolino e con eventuali altre parti del veicolo, senza alterarne le caratteristiche di omologazione; avere un segnale di batteria scarica, se alimentato a batteria; inviare automaticamente messaggi o chiamate ad almeno tre diversi numeri di telefono.

La casa produttrice Cybex, come riporta nel dettaglio il Sole 24 Ore, ha anticipato che non venderà dispositivi universali da applicare su seggiolini già acquistati dai clienti, ma lancerà due nuovi modelli di seggiolino con antiabbandono integrato del costo di 310 euro per quello "normale" e 400 per quello utilizzabile sia dalla nascita e fino ai quattro anni. Il seggiolino integrato sarà proposto anche dalla Chicco. Poi c'è la start-up Filo, che produce un cuscino antiabbandono le cui consegne iniziano in novembre. Sarà ordinabile sul sito aziendale e su Amazon e costerà 60 euro.

Restano i prodotti già in commercio da mesi, a prezzi ufficiali che vanno da 50 e 80 euro: Remmy, Steelmate Bsa-1, Bebé Confort e-Safety cushion e Tippy Smart Pad. Secondo le ricerche fatte da Altroconsumo sono semplici da usare ma con qualche problema: alcuni nell'installazione della app, altri nell'alimentazione elettrica della batteria in viaggio.

Scarica pdf Decreto Mit n. 122/2019 seggiolini
(24/10/2019 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Risarcisce il padre la madre che impedisce gli incontri col figlio
» Nessun reato se la radio ad alto volume infastidisce solo una vicina

Newsletter f t in Rss