Sei in: Home » Articoli

Seggiolini antiabbandono obbligatori da oggi

Condividi
Seguici

L'operatività della norma contenuta nel decreto fiscale era attesa per marzo 2020 ma una circolare del ministero dell'interno pubblicata ieri ha anticipato l'entrata a regime
genitori sorridono alla propria bambina seduta nel seggiolino in auto

di Gabriella Lax - Sono obbligatori da oggi 7 novembre i seggiolini antiabbandono. A stabilirlo una circolare del ministero dell'interno (in allegato) diramata nel pomeriggio di ieri. Ci si aspettava un margine di tempo maggiore interpretando la legge in modo più favorevole e con la concessione dei 120 giorni inizialmente previsti, così non è stato. Un cambiamento repentino, perché la norma, in principio, sarebbe dovuta andare a regime a marzo 2020.

- Seggiolini antiabbandono in auto da marzo 2020

Adesso per i genitori è corsa all'acquisto perché, in caso contrario, sono previste sanzioni ed anche pesanti.

  1. Seggiolini antiabbandono: la circolare
  2. Cosa prevede la normativa sui seggiolini antiabbandono
  3. Sanzioni
  4. Seggiolini antiabbandono, il contributo economico

Seggiolini antiabbandono: la circolare

Il documento diramato nella giornata del 6 novembre è una circolare esplicativa della Direzione Centrale delle Specialità attuativa del decreto del Mit relativo al Regolamento sull'art. 172 del nuovo Codice della strada. Il ministero dei Trasporti, specifica che il regolamento di attuazione dell'articolo 172 del Cds in materia è stato pubblicato il 23 ottobre sulla Gazzetta Ufficiale, prevedendo l'entrata in vigore 15 giorni dopo, ossia il 7 novembre 2019.

Il regolamento di attuazione specifica che l'obbligo riguarda l'installazione a bordo dei veicoli di un dispositivo di allarme la cui funzione è quella di prevenire l'abbandono dei bambini di età inferiore ai quattro anni.

Cosa prevede la normativa sui seggiolini antiabbandono

Il decreto ministeriale chiarisce anche le caratteristiche tecniche di questi dispositivi «potranno essere integrati all'origine nel seggiolino, oppure una dotazione di base o un accessorio del veicolo, ricompreso nel fascicolo di omologazione dello stesso oppure un sistema indipendente dal seggiolino e dal veicolo». La caratteristica principale è che «dovranno attivarsi automaticamente e dovranno essere dotati di un allarme in grado di avvisare il conducente della presenza del bambino nel veicolo attraverso appositi segnali visivi e acustici o visivi e aptici, percepibili all'interno o all'esterno del veicolo (potranno essere dotati anche di un sistema di comunicazione automatico per l'invio di messaggi o chiamate)». Sarà bene per i genitori chiedere al venditore la dichiarazione di conformità, che è sostanzialmente un'autocertificazione, di cui il decreto fornisce uno schema. In caso contrario meglio provare ad acquistare il seggiolino da un'altra parte. Nel caso in cui la dichiarazione del venditore si rivelasse falsa, ci si potrebbe rivalere sul venditore con una sanzione dell'Antitrust.

- Seggiolini salvabimbi: c'è il decreto

Sanzioni

Chi non si doterà di questi dispositivi incorrerà nelle violazioni previste dall'articolo 172 del Codice della Strada: In primis c'è una sanzione amministrativa da 81 a 326 euro (in caso di pagamento entro cinque giorni 56,70 euro) e inoltre è prevista la decurtazione di 5 punti dalla patente. E ancora la sospensione della patente da 15 giorni a due mesi, se si viene colti a commettere la stessa infrazione più di una volta nel giro di due anni.

Se nei primi giorni, giusto il tempo di adeguarsi, le forze dell'ordine potrebbero essere "più elastiche", in caso di incidenti le cose potrebbero andare in maniera differente perché andrà scritto un verbale che finirà agli atti, con la conseguenza che l'assicurazione potrebbe risarcire i danneggiati rivalendosi poi sul conducente. In questo caso chi viene multato può ricordare che una circolare ministeriale non è vincolante davanti all'autorità giudiziaria e, di conseguenza, può fare ricorso al giudice di pace sostenendo che l'obbligo non è entrato ancora in vigore.

Seggiolini antiabbandono, il contributo economico

Per agevolare l'acquisto dei dispositivi, nel Decreto fiscale, si ricorda, è stato istituito un fondo e il riconoscimento di un contributo economico di 30 euro per ciascun dispositivo acquistato.

- Trenta euro di sconto per i seggiolini salvabimbi

Ancora da approvare il provvedimento che disciplinerà le modalità per l'erogazione del contributo.


Vai alla guida completa Seggiolini anti-abbandono

scarica pdf Circolare-Min-Interno-seggiolini-antiabbandono
Condividi
Seguici

(07/11/2019 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Investigazioni e sicurezza: congresso a Roma con crediti formativi per avvocati
» L'avvocato può fare l'amministratore di condominio

Newsletter f t in Rss