Sei in: Home » Articoli

La differenza tra mobbing e comportamenti diffamatori

Condividi
Seguici

La condotta di mobbing e i comportamenti che il lavoratore può denunciare, la differenza con lo straining e gli importanti chiarimenti forniti dalla Cassazione
mano appoggiata su parole sotto pressione

Avv. Adriana Scamarcio - Sono sempre più frequenti le richieste effettuate da parte dei lavoratori dipendenti volte ad ottenere il risarcimento dei danni patiti alla propria integrità psicofisica in conseguenza dei comportamenti tenuti dai datori di lavoro o dai colleghi di lavoro, di natura asseritamente vessatoria.

  1. Il mobbing
  2. I chiarimenti della Cassazione
  3. Lo straining

Il mobbing

Il mobbing è, in particolare, una pratica persecutoria o di violenza psicologica, sistematica e protratta nel tempo, attuata dal datore di lavoro o dai colleghi nei confronti del lavoratore che lo costringono alle dimissioni.

La Cassazione ha affermato che è configurabile una condotta di mobbing solo laddove vi sia la presenza di comportamenti denunciati che, se valutati singolarmente, sono riconducibili ad una sequenza casuale, pur non essendo accomunati dal medesimo fine persecutorio, ma atti ad essere vessatori e mortificanti per il lavoratore e quindi ascrivibili alla responsabilità del datore o del collega interessato.

I chiarimenti della Cassazione

La Corte con due importanti sentenze, la n. 10285/2018 e la n. 18717/2018, si è concentrata su due casi giuridici, facendo chiarezza su come difendersi in fattispecie concrete.

Con la sentenza del 27.4.2018 n. 10285, la Cassazione si è soffermata sul caso di un responsabile di polizia amministrativa privato dal datore di lavoro sia degli uomini che dei mezzi necessari a svolgere il suo lavoro. Tale dipendente privato non era stato altresì consultato sulla riorganizzazione del suo corpo di polizia. Egli, pertanto, era stato mortificato ed isolato e tale situazione gli aveva provocato una sofferenza psichica tale da farlo ammalare.

I giudici di Piazza Cavour hanno chiarito innanzitutto che il mobbing può concretizzarsi attraverso varie forme, la mortificazione può consistere, non solo in offese ma anche in emarginazioni dequalificanti per il soggetto, privato anche dei poteri gerarchici e gestori.

Nel caso di specie, l'impossibilità ad espletare i propri compiti ha provocato nel soggetto una lesione professionale e personale e così è stata accolta la sua richiesta di risarcimento.

Con l'altra sentenza, la Cassazione ha affrontato il caso in cui le offese e le umiliazioni non vengono poste in essere dal datore di lavoro ma dal collega di lavoro, in tal caso si parla di mobbing orizzontale, laddove il dipendente di pari grado decide di prendere di mira un altro collega umiliandolo e deridendolo.

Nel caso di specie, il lavoratore aveva criticato il collega e la propria azienda pubblicando un post sul noto social network, Facebook.

La Corte ha suggerito che, per difendersi da tali azioni, la vittima può riferire tali offese al datore di lavoro, il quale può adottare le misure punitive al fine di difendere l'immagine aziendale.

Per quanto attiene alle offese personali, invece, è possibile agire contro il collega attraverso una causa di mobbing per ottenere il risarcimento del danno subito e il licenziamento dello stesso.

La violenza psicologica, però, deve intendersi continuativa ed ininterrotta, non possono essere presi in considerazione eventi sporadici ed occasionali.

Lo straining

In quest'ultimo caso, infatti, si parlerà di "straining", di minore entità rispetto al mobbing ma comunque idonea a creare nella vittima un disagio psicofisico e morale e, pertanto, meritevole di tutela giudiziale.


Vai alle guide:

- Il mobbing

- Il risarcimento danni da straining

(21/10/2019 - AvvocatoAdriana Scamarcio) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Risarcisce il padre la madre che impedisce gli incontri col figlio
» Nessun reato se la radio ad alto volume infastidisce solo una vicina

Newsletter f t in Rss