Sei in: Home » Articoli
 » Previdenza

Dis-coll, ora basta un mese di contributi

Condividi
Seguici

L'Inps chiarisce che il requisito contributivo che dà diritto alla prestazione di disoccupazione (Dis-coll) passa da tre mesi a un mese
giornale lavoro senza annunci

di Gabriella Lax - Ridotto il requisito contributivo che dà diritto alla prestazione di disoccupazione: si passa dai precedenti tre mesi a un mese. A spiegarlo è il messaggio n. 3606/2019 dell'Inps (sotto allegato).

  1. Dis-coll, com'è nata?
  2. Dis-coll, novità per i requisiti
  3. Dis-coll, cosa cambia per i lavoratori

Dis-coll, com'è nata?

La "Dis-Coll", l'indennità di disoccupazione collaboratori è una misura istituita col decreto legislativo 22 del 4 marzo 2015 in via sperimentale fino al 31 dicembre di quell'anno. Indirizzata ai collaboratori coordinati e continuativi, anche a progetto, che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione, la misura è stata prima prorogata per tutto il 2016 e poi dal 22 maggio 2017, resa strutturale con la legge 81.

Vai alla guida Dis-coll: la disoccupazione per i collaboratori

Dis-coll, novità per i requisiti

Come chiarisce il messaggio dell'Inps, il decreto-legge "tutela del lavoro" del 3 settembre 2019, n. 101, all'articolo 2, ha introdotto una novità in ordine al requisito contributivo necessario per l'accesso alla prestazione dis-coll, modificando ulteriormente l'articolo 15, comma 2, del D.lgs n. 22 del 2015.

In sostanza, sarà più semplice accedere alla misura per i lavoratori parasubordinati che perdono il lavoro. Dal 5 settembre il requisito contributivo che dà diritto alla prestazione di disoccupazione è ridotto (da tre) a un mese. Ovviamente non possono usufruire di dis-coll: gli amministratori; i sindaci o revisori di società; associazioni e altri enti con o senza personalità giuridica.

Dis-coll, cosa cambia per i lavoratori

Ai lavoratori basterà avere un solo mese di contribuzione dal 1° gennaio al 31 dicembre dell'anno che precede la data in cui si perde il lavoro. Ferma restando la sussistenza degli altri requisiti, ossia la perdita involontaria del lavoro e lo stato di disoccupazione alla data della domanda, diventa dunque meno rigido il requisito contributivo. Per chi perde il lavoro in questi giorni quindi, per poter richiedere la Dis-Coll basterà aver lavorato almeno un mese da gennaio a dicembre 2018 per soddisfare il requisito contributivo.

Leggi Dalla Naspi alla Dis-coll: guida ai nuovi ammortizzatori sociali

Scarica pdf messaggio Inps n. 3606/2019
(09/10/2019 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Minore affidato al padre se la madre ostacola la frequentazione
» Scioglimento comunione dall'avvocato

Newsletter f t in Rss