Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Deontologia avvocati

Condividi
Seguici

La deontologia degli avvocati trova la sua fonte nel codice deontologico forense ed è oggetto specifico della formazione continua dei legali
Team di avvocati

di Valeria Zeppilli - Gli avvocati, nell'esercizio della loro professione, devono attenersi a specifiche regole etiche e comportamentali, al pari di tutti gli altri professionisti.

Tali regole, che fanno parte della deontologia, vanno seguite nei rapporti con i propri clienti, ma anche nelle relazioni con le controparti, i colleghi e gli altri professionisti.

Come si legge nel sito del CNF, "Anche tramite il rispetto di tali norme di comportamento, l'avvocato contribuisce all'attuazione dell'ordinamento giuridico per i fini della giustizia".

  1. Codice deontologico forense
  2. Deontologia avvocati: le principali regole
  3. Deontologia avvocati: le sanzioni
  4. La potestà disciplinare
  5. Deontologia e formazione avvocati

Codice deontologico forense

Le norme deontologiche alle quali gli avvocati si devono attenere sono contenute nel codice deontologico forense.

Il codice vigente, che ha sostituito un precedente testo, è del 31 gennaio 2014 ed ha attuato quanto previsto dalla legge professionale forense numero 247/2012. Esso è stato di recente sottoposto a modifiche nella seduta amministrativa del CNF del 23 febbraio 2018.

Deontologia avvocati: le principali regole

Le regole che compongono la deontologia degli avvocati sono molteplici.

Tra le più rilevanti, si possono segnalare:

  • il dovere di fedeltà
  • il dovere di diligenza
  • il dovere di segretezza e riservatezza
  • il dovere di competenza
  • il dovere di aggiornamento professionale e di formazione continua
  • i doveri di lealtà e correttezza verso i colleghi e le istituzioni forensi.

Deontologia avvocati: le sanzioni

Il rispetto della deontologia da parte degli avvocati è presidiato da sanzioni specifiche, individuate dal codice forense e variabili a seconda della tipologia e della gravità della violazione deontologica commessa, rispetto alla quale devono essere adeguate e proporzionate.

Le sanzioni disciplinari, più in particolare, sono:

  • l'avvertimento
  • la censura
  • la sospensione
  • la radiazione.

La potestà disciplinare

Il potere di applicare le sanzioni spetta agli organi disciplinari, che a tal fine devono valutare il comportamento complessivo dell'incolpato, tenendo conto anche del fatto che la sanzione è unica anche se sono contestati più addebiti.

Essa va commisurata a una serie di fattori e, in particolare, alla gravità del fatto, al grado della colpa, all'eventuale dolo e alla sua intensità, al comportamento dell'incolpato precedente e successivo al fatto, al pregiudizio eventualmente subito dall'assistito e dal cliente.

Deontologia e formazione avvocati

L'importanza della deontologia nella vita professionale degli avvocati emerge anche dal fatto che essa è oggetto necessario della formazione continua.

Infatti, il regolamento del CNF numero 6/2014, che disciplina le modalità di attuazione dell'obbligo formativo dei legali, prevede che durante ogni periodo di valutazione, della durata di un triennio, è necessario maturare almeno 60 crediti formativi, di cui non meno di 15 per ciascun anno. Di questi 60 crediti, almeno 9 devono riguardare la deontologia forense, di cui almeno 3 devono essere maturati per ciascun anno.


Leggi anche:

- La deontologia

- Codice deontologico forense 2019

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(10/06/2019 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Risarcisce il padre la madre che impedisce gli incontri col figlio
» Nessun reato se la radio ad alto volume infastidisce solo una vicina

Newsletter f t in Rss