Sei in: Home » Articoli

730 precompilato al via

Condividi
Seguici

Da oggi sarà possibile accettare e inviare il modello 730 precompilato cosi com'è oppure modificarlo per aggiungere eventuali spese non inserite dall'Agenzia delle entrate
modello 730 in un computer

di Gabriella Lax - A partire da oggi, 2 maggio, sarà possibile accettare e inviare la dichiarazione dei redditi cosi com'è oppure modificarla per aggiungere eventuali spese non inserite dall'Agenzia delle entrate.

  1. 730 precompilato, le successive scadenze
  2. 730 precompilato 2019: le novità
  3. Come visualizzare la precompilata

730 precompilato, le successive scadenze

Ecco le altre scadenze da segnare: dal 10 maggio sarà attiva la modalità di compilazione assistita. In ogni caso sarà possibile presentare il 730 fino al 23 luglio quando si ha un datore di lavoro o si percepisce pensione. Chi invece presenta il 730 senza sostituto d'imposta dovrà tenere presente la scadenza del 30 giugno, termine per il pagamento del saldo Irpef 2019 e della prima rata per il 2019.

730 precompilato 2019: le novità

Da quest'anno, l'Agenzia delle entrate inserisce i dati dei altri oneri detraibili e deducibili, trasmessi da soggetti terzi che comprendono le quote di interessi passivi e relativi oneri accessori per mutui in corso; i premi di assicurazione sulla vita, causa morte e contro gli infortuni e premi per assicurazioni aventi per oggetto il rischio di eventi calamitosi; le spese sanitarie e relativi rimborsi. Non solo, l'elenco comprende anche contributi previdenziali e assistenziali; contributi versati per gli addetti ai servizi domestici e all'assistenza personale o familiare; spese veterinarie; spese universitarie e relativi rimborsi; contributi versati alle forme di previdenza complementare; spese funebri.

Ricordiamo inoltre che, nella precompilata, sono già inserite: spese relative agli interventi di recupero del patrimonio edilizio e agli interventi finalizzati al risparmio energetico; spese relative ad interventi di sistemazione a verde degli immobili; erogazioni liberali nei confronti delle Onlus, delle associazioni di promozione sociale, delle fondazioni e associazioni riconosciute aventi per scopo statutario la tutela, promozione e la valorizzazione dei beni di interesse artistico, storico e paesaggistico e delle fondazioni e associazioni riconosciute aventi per scopo statutario lo svolgimento o la promozione di attività di ricerca scientifica.

Come visualizzare la precompilata

Per visualizzare la dichiarazione precompilata occorre essere in possesso delle credenziali di accesso Spid ovvero quelle fornite dall'Agenzia delle entrate per utilizzare i servizi telematici (Fisconline) oppure ancora con quelle rilasciate dall'Inps. È possibile accedere anche tramite Carta nazionale dei servizi (Cns). Una volta avuto accesso all'area riservata i contribuenti possono controllare nel dettaglio tutti i dati e, a partire dal 2 maggio: accettare la dichiarazione così com'è oppure decidere di integrarla/modificarla prima dell'invio. Si ricorda comunque che per compiere queste operazioni è sempre possibile rivolgersi a un Caf o delegare un professionista.

Leggi anche:

- Fisco: precompilata 2019 in partenza

- Guida alle detrazioni fiscali

(02/05/2019 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: l'equo compenso non funziona
» Intralciare l'ambulanza? Si rischia una multa fino a 173 euro

Newsletter f t in Rss