Sei in: Home » Articoli

Idoneità concorso agente polizia penitenziaria: quando decidono i giudici

Casi in cui l'idoneità al proseguimento dell'iter concorsuale viene accertata in sede di ricorso
bilancia sul tavolo simbolo di giustizia
Avv. Francesco Pandolfi - Un'appartenente all'Esercito Italiano quale VFP1 per tre anni, partecipa a due concorsi per il reclutamento di allievi agenti nel Corpo della Polizia Penitenziaria, riservati al personale VFP1.
Viene però giudicata non idonea in occasione della valutazione dei requisiti psicofisici, con conseguente esclusione dalla partecipazione alle successive prove.

La verificazione

Propone allora il ricorso e il Tar adito dispone una verificazione, onde appurare la sussistenza o meno della rilevata causa di inidoneità.
L'accertamento viene affidato al Policlinico Militare.
Svolti tutti gli opportuni accertamenti medico legali, l'Organo verificatore deposita il verbale della visita medico legale collegiale, con cui la Commissione medica dichiara la diagnosi e la conseguente "idoneità" dell'interessata al proseguimento dell'iter concorsuale.

L'esito del ricorso

Il Tar fa un'osservazione: se in generale è vero che le valutazioni effettuate in sede di accertamento dei requisiti psico fisici e attitudinali ai fini della partecipazione a procedure concorsuali, costituiscono una tipica manifestazione di discrezionalità tecnico amministrativa, è altrettanto vero che, per costante giurisprudenza, le stesse non sfuggono al sindacato dei giudici quando ovviamente ci si trovi in presenza di macroscopici travisamenti di fatto.

Nel caso qui preso come spunto per il commento, tratto dalla sentenza n. 10092/2018 del 18.10.2018 dal Tar Lazio Sezione Prima Quater, si conclude per la presenza in capo alla ricorrente del possesso dei requisiti necessari al proseguimento dell'iter concorsuale, poiché obiettivamente e strumentalmente non rilevata la causa di non idoneità ex art. 123 co. 1 lett. O d. lgs. 443/92, il tutto con la dichiarazione di "idonea al proseguimento dell'iter concorsuale".

In conclusione: il Collegio accoglie il ricorso ed annulla gli atti impugnati, con conseguente ammissione della ricorrente alle ulteriori fasi della procedura concorsuale.
La sentenza viene resa nella forma semplificata.

Altre informazioni su questo argomento?
Contatta l'Avv. Francesco Pandolfi
3286090590
avvfrancesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed � autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
(26/11/2018 - Avv.Francesco Pandolfi) Foto: 123rf.com

In evidenza oggi:
» Mendicante insistente? Multa e carcere fino a 6 mesi
» L'avvocato diventa sempre più "fashion"
» Addio a WhatsApp e Telegram, arriva Dostupno
» Responsabilit medica: la Cassazione sminuisce le linee-guida
» Ddl concretezza: tutte le misure approvate
Newsletter f g+ t in Rss