Sei in: Home » Articoli

La negoziazione assistita torna nel lavoro

La riforma del processo civile in cantiere dovrebbe prevedere l'estensione della negoziazione assistita anche alle controversie giuslavoristiche
parola negoziazione in inglese

di Valeria Zeppilli – A breve, il Ministero della giustizia metterà a consultazione una nuova riforma del processo civile nella quale inserire anche un'importante novità per le controversie di lavoro: la negoziazione assistita.

In questa materia così delicata, la procedura potrebbe portare risultati soddisfacenti, almeno a detta del presidente dell'Associazione italiana giuslavoristi, Aldo Bottini, per il quale in tal modo si andrebbe utilmente a rafforzare il circuito delle soluzioni stragiudiziali delle liti. L'obbligatorietà però, a parer suo, sarebbe inutile.

  1. Negoziazione assistita: l'esperienza del 2014
  2. Le parole di Bonafede
  3. Differenza dalla conciliazione

Negoziazione assistita: l'esperienza del 2014

A ben vedere, la negoziazione assistita in materia di lavoro non è una vera e propria novità. Quando la procedura fu istituita nel nostro ordinamento, il decreto legge 132/2014 prevedeva il suo utilizzo anche nel diritto del lavoro; con la conversione in legge però, soprattutto in ragione delle perplessità sollevate da Confindustria e sindacati sull'idoneità del meccanismo a conciliare in materia giuslavoristica, quest'ultima venne esclusa da quelle per le quali è prevista la negoziazione assistita.

Le parole di Bonafede

Ad annunciare in maniera esplicita il ritorno della negoziazione assistita nelle controversie di lavoro è stato il Ministro Bonafede che, nel corso del trentaquattresimo Congresso nazionale forense svoltosi a Catania a inizio ottobre, ha espresso la sua volontà in tal senso, unitamente a quella di eliminare tale meccanismo di risoluzione stragiudiziale delle controversie nei casi di sinistri stradali. Continuità alla negoziazione, invece, sarà data nel diritto di famiglia e in materia di diritti reali e condominio.

Differenza dalla conciliazione

La negoziazione assistita nelle cause di lavoro si affiancherebbe a un altro importante strumento di composizione bonaria delle liti: la conciliazione. Mentre in quest'ultima, tuttavia, il ruolo di primo piano viene ricoperto dai sindacati, nella negoziazione protagonisti della gestione delle controversie e gestori della fase delle trattative sarebbero i soli avvocati.

Leggi anche:

- Arriva la riforma del processo civile

- Riforma processo civile: le novità in arrivo

- Riforma processo civile: addio atto di citazione

Vedi anche nella guida di procedura civile:
La negoziazione assistita - (La convenzione - il procedimento - la negoziazione obbligatoria - la negoziazione in materia di separazione e divorzio - il ruolo degli avvocati - I fac-simili)
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(01/11/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Auto: multe da 712 euro per chi circola con targa estera
» Asili e case di riposo: in arrivo le telecamere
» Bruciare rami e sterpaglie è reato?
» Congedi papà: addio ai cinque giorni
» Auto: multe da 712 euro per chi circola con targa estera

Newsletter f g+ t in Rss