Sei in: Home » Articoli
 » Previdenza

Pignoramento pensione: il limite aumenta se ho familiari a carico?

La legge non prevede, in presenza di familiari a carico, la modifica delle regole sul pignoramento della pensione previste dall'art. 13 dl 83/2015
uomo tutela risparmi con uno scudo da una mano che vuole prenderli

Domanda: In caso di pignoramento il limite pignorabile della pensione aumenta se ho familiari a carico?

Risposta: No, perché l'art. 13 del d.l n. 83/2015, in vigore dal 27/06/2015, attraverso la modifica degli artt. 545 e 546 c.p.c ha previsto delle novità in tema di pignoramento delle pensioni. Prima dell'entrata in vigore di questo decreto il creditore che doveva soddisfare il suo diritto poteva pignorare la pensione notificando l'atto all'ente di previdenza, nei limiti di un quinto (1/5) dell'importo totale della pensione.

Pignoramento: cosa è cambiato il d.l. 83/2015

L'art. 13 del d.l 83/2015 ha previsto l'aggiunta di questo comma all'art. 545 c.p.c: "Le somme da chiunque dovute a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni di quiescenza, non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell'assegno sociale, aumentato della metà. La parte eccedente tale ammontare è pignorabile nei limiti previsti dal terzo, quarto e quinto comma nonché dalle speciali disposizioni di legge".

Come si nota, la norma nulla specifica in relazione ai familiari a carico, disponendo solo che, la quota impignorabile della pensione corrisponde all'importo dell'assegno sociale aumentato della metà, con il risultato che solo l'eccedenza rispetto all'assegno sociale + la metà è pignorabile nella misura di 1/5.

Il limite è previsto per garantire il "minimo vitale" anche a chi si trova in una posizione debitoria. Ne consegue che, se un soggetto percepisce una pensione mensile di € 1600,00 a questo importo va sottratta la somma di € 453,00 (assegno sociale per il 2018) aumentata della sua metà, ossia di € 226,5, per un totale di € 679, 50, che è il minimo vitale impignorabile. A questo punto si calcola la differenza, ossia si sottrae da € 1600,00 il minimo vitale di € 679,50 e sul residuo di € 920,50 si calcola il quinto pignorabile pari a € 184,10.

Leggi anche:

- Il pignoramento

- I nuovi limiti al pignoramento dei conti correnti

- Conto corrente pignorato e stipendio, le principali problematiche

Suggerisci un nuovo argomento per la rubrica: domande e risposte
Rubrica Domande e Risposte

(28/05/2018 - Domande e Risposte) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Tamponamento a catena di auto in sosta? Paga solo l'ultimo
» Salvini: presto censimento o anagrafe dei Rom
» Inps: 5mila borse di studio per imparare le lingue
» Assegno di invalidità: l'accertamento dei requisiti per il riconoscimento
» Avvocati: contributi fino a 1.500 euro per strumenti informatici


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss