Sei in: Home » Articoli

Giudici ausiliari in Cassazione: come fare domanda

Firmato il decreto del ministro della giustizia che regola la procedura di selezione per la nomina di 50 nuovi magistrati ausiliari in Cassazione. In allegato lo schema di decreto con il modello di domanda
un giudice con fascicoli in mano di fronte a tribunale

di Marina Crisafi – Arrivano i rinforzi in Cassazione. Cinquanta nuovi magistrati ausiliari prenderanno presto servizio presso la Suprema Corte per agevolare lo smaltimento dell'arretrato dei procedimenti civili in materia tributaria. A prevederlo, il decreto firmato nei giorni scorsi dal ministro della giustizia Andrea Orlando (sotto allegato), contenente anche il modulo per la domanda.

50 nuovi magistrati in Cassazione

Il decreto del ministero della giustizia, come annunciato in una nota pubblicata sul sito del dicastero, disciplina la procedura di selezione per la nomina, in via straordinaria e non rinnovabile, di 50 magistrati ausiliari, per lo svolgimento di servizio onorario presso la Cassazione.

Il reclutamento è stato disposto ex art. 1, commi 961-981, della legge n. 205/2017, al fine di agevolare la definizione dei procedimenti civili in materia tributaria pendenti in sede di legittimità.

Il provvedimento verrà presto pubblicato in Gazzetta Ufficiale e a partire dalla data di pubblicazione decorreranno i 30 giorni entro cui gli interessati potranno presentare domanda di partecipazione.

Inoltre, segnala il ministero nella nota, i 50 magistrati, la cui nomina è straordinaria e non rinnovabile, verranno nominati con successivo decreto del Guardasigilli, "previa deliberazione del Consiglio Superiore della Magistratura, su proposta formulata dal Consiglio direttivo della Corte di Cassazione".

Tutte le informazioni relative alle fasi della procedura di selezione saranno rese disponibili sul sito del Consiglio superiore della magistratura.

Magistrati ausiliari: chi può fare domanda

Si ricorda che potranno presentare istanza di partecipazione: i magistrati ordinari, compresi i consiglieri di cassazione nominati per meriti insigni, a riposo da non più di cinque anni al momento di presentazione della domanda, che abbiano maturato un'anzianità di servizio non inferiore a 25 anni. I candidati non dovranno aver superato i 73 anni di età.

Costituiscono titoli di preferenza, nell'ordine, il pregresso esercizio di funzioni di legittimità e la minore anzianità anagrafica.

Incompatibilità

Non potranno essere nominati coloro che, al momento della domanda e nel triennio precedente:

- siano o siano stati membri del Parlamento nazionale ed europeo, deputati o consiglieri regionali, membri del Governo, presidenti delle Regioni e delle Province, membri delle giunte regionali e provinciali;

- siano o siano stati sindaci, assessori comunali, consiglieri provinciali, comunali e circoscrizionali;

- ricoprano o abbiano ricoperto incarichi direttivi o esecutivi nei partiti politici.

Inoltre, dispone il decreto, il magistrato ausiliario non può esercitare la professione di avvocato per tutto il periodo del mandato.

Giudici ausiliari, come presentare domanda

La domanda di partecipazione alla procedura di selezione per la nomina di magistrati ausiliari presso la Cassazione dovrà essere presentata, esclusivamente in forma cartacea, stampando e compilando il modulo allegato al decreto entro il termine di 30 giorni dalla data di pubblicazione del decreto nella Gazzetta Ufficiale.

Successivamente, il modulo andrà firmato e inviato unitamente alla fotocopia di un documento d'identità in corso di validità, a mezzo raccomandata a/r o consegnato brevi manu al Consiglio Superiore della Magistratura, in piazza dell'Indipendenza 6, 00185 Roma.

Schema decreto nomina giudici ausiliari in Cassazione
(05/04/2018 - Marina Crisafi) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Usura e restituzione degli interessi del mutuo
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura

Newsletter f g+ t in Rss